• People

Charlotte Olympia Dellal, la designer ereditiera con uno stile sopra le righe

"Perché la femminilità nasce dentro di noi", sostiene Charlotte Olympia. Una designer per cui il glamour e il mondo delle pin-up degli anni '40 e '50 non è mai passato di moda. Eccentrica e stravagante ma talvolta femminile e sensuale, vediamo quale è stato il suo percorso.

Se in gergo si usa l’espressione "non è figlia di nessuno", per Charlotte Dellal non si può dire lo stesso. Il suo percorso, sebbene segnato dal successo dovuto alle creazioni da lei realizzate, era già destinato ad essere brillante. Figlia del grande industriale Guy Dellal e della ex top model brasiliana Andrea; sorella della nota modella Alice Dellal, scelta anche da Karl Lagerfeld come volto di Chanel, e di Hassan Dellal, gestore di una galleria di arte contemporanea a Londra.

Fin da piccola Charlotte aveva la passione per la moda e fu così che si iscrisse ad un corso base al London College of Fashion. Durante il percorso al college, erano diversi i momenti in cui veniva colta dai suoi tutor mentre disegnava accessori per conto suo. Questo fu illuminante per lei, in quanto i suoi stessi insegnanti la spinsero a specializzarsi in quello per cui effettivamente era portata ma che ancora non aveva compreso del tutto: il design di scarpe. Fu allora che si segnò al corso di Footwear Design Cordwainers presso il LCF, e dal giorno in cui disegnò la prima scarpa non ebbe più dubbi sul suo destino. Successivamente collaborò con brand come Ungaro e Giambattista Valli, Agent Provocateur e Victoria di Victoria Beckam. Nel 2006 fonda il marchio Charlotte Olympia, suo secondo nome, e nel febbraio del 2008 presenta, durante la London Fashion Week, una prima collezione di scarpe. Subito dopo iniziò ad aprire diversi store cominciando da Londra nel 2010, quindi New York nel 2011, fino alla California nel 2015. Amante della moda a 360 gradi, il suo gusto eccentrico si riflette nei prodotti altamente originali e riconoscibili. Ogni scarpa che progetta è fatta a mano in Italia e ha sulla suola il segno distintivo del brand: una ragnatela con sopra la firma della designer in oro. I modelli di scarpe sono colorati e stravaganti ed è evidente il richiamo al mondo hollywoodiano, a quello delle pin-up e alle stelle del cinema degli anni '40 e '50.

Tra le clienti affezionate ci sono le attrici Keira Knightley, Sarah Jessica Parker e Blake Lively, la sua fama l'ha portata a vendere i propri accessori in grandi magazzini del calibro di Harrods, Neimas Marcus e Isetan, ma anche a collaborare con note griffe di fama internazionale come Clements Ribeiro e Temperley London. Il brand è dunque divenuto famoso con la Dolly platform pumps, la scarpa in pelle dal tacco vertiginoso e caratterizzata da un semi plateau che dà un tocco deciso al modello; altra sua invenzione è stata la clutch Pandora in perspex, accessorio stravagante e divertente che con il tempo ha acquisito varie forme, come la borsa ispirata ad Iris Apfel o quella a forma di labbra che, volendo, rimanda alla borsa nata dalla collaborazione tra la stilista Elsa Schiaparelli e il pittore surrealista Salvador Dalí, avvenuta negli anni '30. A questo punto come non citare la collezione Kitty, simpatiche slip-on con sembianze da gatto, tanto apprezzate dal fashion system?

Cosa caratterizza maggiormente Charlotte Olympia? L'amore per il glamour, fondamentale ed essenziale nella sua vita. La femminilità e sensualità della designer si riflettono negli accessori che crea; amante della stampa animalier, è persuasa del fatto che in ogni donna c'è femminilità e sex appeal, che vengono però esibiti da ognuna in maniera più o meno accentuata. Il suo concetto di femminilità viene espresso al meglio con tacchi alti e sexy, modelli particolari e per molte eccessivi. Le dive del cinema possono ben sbizzarrirsi con gli accessori di Olympia, poiché ognuna ha "sfaccettature" che si adattano a diversi tipi di personalità; tutto questo potrebbe essere un po' meno agevole per le "comuni mortali", che durante la quotidianità preferiscono forse modelli di scarpe e borse meno vistosi, ma questo ancora una volta dipende dal carisma della persona: se osa e sa osare, una clutch a forma di cagnolino o una scarpa tacco 15 sono ben portate anche per un semplice aperitivo. È dunque facile cadere nel kitsch ma solo se non si ha la personalità giusta per quei prodotti.

La creatività di Charlotte Olympia è tale che ogni sua creazione sembra essere un'opera d'arte. La sua musa per eccellenza è Rita Hayworth, la ispira qualunque cosa la circondi e che lei stessa coglie, specialmente nei numerosi viaggi che intraprende e ama fare. Altra importante ispirazione è l'arte: diversi i richiami a Pablo Picasso, Lichtenstein, Mondrian, Van Gogh, Pollock. Rientra tra le sue passioni il collezionare oggetti e renderli indossabili per poi esibirli. Tutto per lei è glamour e lusso, tanto che sebbene riconosca la comodità e la tendenza attuale delle sneakers, nulla la distoglie dal ritenere intramontabili i tacchi altissimi.

Livia Maulucci

SUGGESTED ARTICLES

DROMe

DROMe

Una questione di pelle. Una visione poetica e passionale del materiale che più di tutti è e diviene trasversale.

Read more

Dettagli preziosi

Dettagli preziosi

A volte basta un particolare per esaltare il look, provare per credere. Come? Grazie ai bracciali cult della stagione scelti da LICHT per voi.

Read more

Il gioco degli opposti fra moda e avanguardia

Il gioco degli opposti fra moda e avanguardia

Nel fashion system emergere è sinonimo di sfondare? Le novità nel mondo della moda danno vita a correnti di pensiero e avanguardie, ma possono davvero essere definite tali?

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.