• People

Pillole di Star: Blake Lively

Attrice, sex symbol e e icona di stile. Blake Lively è una donna, una mamma, una moglie che da più di dieci anni, tra scoop, critiche e pellicole, ci tiene incollati allo schermo. Ecco un ritratto in pillole della star di Hollywood.

Ogni sua foto sui social è una calamita di like, di commenti e di critiche, ma bene o male l'importante è che se ne parli, come l'ultima vicenda sull'accusa di razzismo a causa di uno scatto sul red carpet della Croisette di Cannes, Blake Lively guarda e passa. La foto in questione è quella che vedete in basso, l'accusa parte da una simpatica citazione di una canzone di Sir Mix A Lot, "Baby got back", che tradotta in italiano sta a significare "ragazza californiana con un lato B da afroamericana", evidentemente sui social l'ironia non è di casa, non per tutti almeno!

In ogni caso l'attrice divenuta famosa grazie al ruolo da coprotagonista in Gossip Girl, la ricca e sfacciata Serena Van Der Woodsen, che oltretutto le garantisce lo status di sex symbol, oggi è cresciuta. Si è sposata, è diventata mamma e sempre di più continua a far girare la testa agli uomini di tutto il mondo grazie alla sua bellezza naturale e alquanto giunonica, tanto che alcune delle riviste più autorevoli del settore la inseriscono nelle classiche tra i personaggi più influenti di TIME e nella Hot 100 di Maxim. Ma come ogni cosa, essere belli non basta, è davvero anche brava. Diciamo che la recitazione ce l'ha nel sangue, è figlia d'arte e quando era piccola, i genitori non potendo permettersi una babysitter, la portavano con loro alle lezioni di recitazione che impartivano ai loro studenti; appena ha messo piede su di un palcoscenico sapeva bene cosa fare.

Fautore della fama è stato il fratello Eric che quando era al liceo la porta con sé in una tournée in Europa e cerca di fare il possibile per farle intraprendere la carriera da attrice, ma lei niente, non si convince fin quando nel 2005, a sua insaputa, Eric le fa ottenere un provino per il ruolo di Bridget in "4 amiche e un paio di jeans", che vede al suo fianco anche Alexis Bledel, America Ferrera e Amber Tamblyn. Fu subito un successo, tanto che nel 2007 viene scelta per Gossip Girl, la serie tv che ha fatto letteralmente impazzire i teenager e non solo. Nel 2010 l'abbiamo vista al fianco di Ben Affleck in "The Town" e nel 2011 sul set di "Lanterna Verde" dove incontra quello che diverrà suo marito, Ryan Reynolds. Dopo una liason tra la Lively e Leonardo DiCaprio, finita ad ottobre 2011, i due convolano a nozze nel 2012; considerate che alla cerimonia tenutasi in North Carolina ha cantato Florence Welch, dei Florence and the Machine... Con quegli occhi come si fa a dirle di no! Sempre nello stesso anno, sarà invece Oliver Stone a chiamarla per "Savages", mentre nel 2015 incanta tutti nel ruolo di "Adaline - L'eterna Giovinezza", dove recita assieme ad Harrison Ford, fino ad arrivare all'ultima chiamata, nientemeno che da Woody Allen, per "Café Society" di quest'anno, selezionato come film di apertura fuori concorso al Festival di Cannes 2016.

Da attrice a icona di stile il passo è breve.

Già in qualche episodio di Gossip Girl ci aveva regalato delle falcate da top model, in fondo il temperamento, il carisma e il fisico non le mancano. Anche alcune perle da perfetta poser le ha sfoggiate in un episodio della serie tv, quando cercava di far sbloccare la sua amica Blair Waldorf, troppo rigida per lo shooting fotografico, facendola smuovere a suon di ombrellate: "fa Britney con l'ombrello, Britney con l'ombrello", davvero esilarante. L'abbiamo rivista poi nel libro del "mattacchione" Terry Richardson in pose osé a degustare un cono gelato alla fragola. Più glamour invece la campagna di maison Gucci, che la sceglie come testimonial nel 2012 per la pubblicità della fragranza Gucci Premiere e nel 2013 anche L'Oréal Paris la vuole come volto per le sue linee di prodotti. Addirittura nel 2011 Christian Louboutin le dedica un sandalo con delle stringe colorate che avvolgono il piede fino alla caviglia, soprannominato "The Blake". Ci ha fatto sognare, a qualcuna avrà fatto anche invidia, sui red carpet di Cannes, dove ha sfoggiato con tanto di pancione dovuto alla seconda gravidanza, un abito a sirena blu tempestato di brillanti by Versace, o quello nude look, stessa maison, che poi è l'abito incriminato della suddetta foto.

Io starei attento ad additarla di razzismo! La Lively nel 2014 lancia Preserve, un sito e-commerce con interessi diretti in vari settori, ma soprattutto a prodotti artigianali fatti da comunità svantaggiate anche straniere. Si trattava di un progetto sociale nato in collaborazione con Covenant House che vedeva l'attrice impegnata a vendere oggetti di design online, con lo scopo di destinare poi il ricavato a sostegno di queste comunità e perlopiù all'aiuto di bambini in difficoltà. Un progetto ambizioso dunque, tanto che Forbes la inserisce sul podio delle business women under 30. Purtroppo l'iniziativa non ha avuto molto seguito, ma non per questo l'attrice abbandona l'impegno sociale. Infatti, appena sarà pronta una nuova strategia, tenendo a precisare che non è un blog sulla sua vita, ma un sito che deve essere rivolto a qualcuno che ha bisogno di aiuto, tornerà in funzione. Blake è inoltre apparsa in "A Path Appears", il documentario tv girato dai giornalisti premi Pulitzer Nicholas Kristof e Sheryl WuDunn nel quale, insieme ad altre celebrities, affronta il tema della disparità sessuale tra uomo e donna nella società; nell'episodio che la riguarda la Lively si trova catapultata in quello che lei stessa definisce il lato oscuro americano, cioè il traffico sessuale.

Dunque Blake, continua a farci sognare, nel frattempo aspettiamo di vederti nel nuovo film di Allen, che tra l'altro è il suo primo film girato in digitale, che possa trattarsi di un punto di svolta per la tua carriera?

Alessandro Iacolucci

SUGGESTED ARTICLES

Jacquemus: il designer con la sindrome di Peter Pan

Jacquemus: il designer con la sindrome di Peter Pan

Simone Porte Jacquemus, ovvero il giovane designer parigino che si fa portavoce di un'estetica francese contemporanea e 2.0 che, tra un coat rosa cipria oversize e un completo navy reinterpretato seconda la logica del no-gender, conquista davvero tutti!

Read more

Wood Sounds Good

Wood Sounds Good

Una nota pubblicità recitava: “Legno più ingegno”. Chissà se questo claim sia stato o meno il leit motiv di realtà emergenti (o meno) che hanno interpretano o se preferite lavorato, un materiale duttile e pregiato come il legno.

Read more

Suède-mania: the 70s are back

Suède-mania: the 70s are back

Utilizzato dalle tribù pellerossa, il camoscio non passa mai di moda e viene riproposto sulle passerelle dai più importanti designer internazionali per l'estate 2016.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.