• People

Elisa Sednaoui, da astro nascente a regina del firmamento

Modella, attrice, filantropa. Bella, ma non solo, perché per arrivare dove è lei ora, a meno di trent'anni, sono necessari talento, intelligenza e determinazione. E lei ha tutto questo.

Non ha nemmeno trent'anni e già possiede un curriculum artistico da far invidia a molte delle sue colleghe. La posseditrice di tanta fortuna è Elisa Sednaoui, classe 1987, soprannominata da numerose personalità del mondo della moda stella nascente. Il suo successo non può essere attribuito solo alla fortuna però, ma anche e soprattutto alla sua sicurezza, determinazione e serietà. Sebbene appaia come la perfetta IT girl, che si divide fra le principali capitali mondiali, sposata con uno degli uomini più ricchi nel settore dell'imprenditoria, e musa di noti stilisti, in realtà c'è ben altro dietro a questa giovane donna.

Le sue origini siriane hanno sicuramente contribuito ad ampliare i suoi orizzonti. Il padre è un architetto franco egiziano e la madre è piemontese. Il suo padrino è lo stilista Christian Louboutin, amico di famiglia da tempo. Dopo la sua nascita la famiglia si trasferisce in Egitto, ma in seguito al divorzio dei genitori Elisa si stabilisce in Italia con la madre, giornalista e stylist di moda. Si diploma al liceo linguistico, scelta adatta per la giovane che ora parla sei lingue, nel 2006 si trasferisce prima a Parigi e poi a New York per inseguire il suo sogno di diventare una modella.

La sua carriera inizia immediatamente e diviene uno dei volti all'interno dei cataloghi di H&M e Victoria's Secret. L'anno successivo debutta sulla passerella della New York Fashion Week per la maison Dolce&Gabbana, e in seguito diviene testimonial per Love Moschino. Negli anni successivi lavora per diverse campagne, fra cui Diane von Furstenberg ed Emilio Pucci, e appare sulle copertine di famosi magazine come Vogue e L'Officiel.

La conferma della sua fama in continuo aumento arriva nel 2011, quando viene scelta da Karl Lagerfeld come modella per l'edizione annuale del calendario Pirelli, esperienza che ripete nel 2013, sotto la direzione artistica di Steve McCurry. I suoi tratti distintivi sono gli occhi espressivi dal colore grigio verde, i lineamenti pronunciati e la figura esile ma statuaria, e il suo punto di forza è la versatilità, poiché è in grado di trasmettere sensualità, innocenza o determinazione a seconda dell'occasione.

La sua carriera però non si limita ad esistere all'interno del fashion, ma si estende al mondo cinematografico. Dal 2010 ad oggi ha partecipato come attrice a sei film, sia francesi sia italiani. Sebbene la moda rimanga il suo primo amore, in un'intervista ha affermato di apprezzare il cinema, soprattutto nel momento in cui è necessario preparare un personaggio e perciò interpretarlo con anima e corpo. Il suo talento anche in questo settore è innegabile, e nel 2015 viene scelta come madrina per la 72ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Al di là della sua bellezza e della sua bravura, Elisa è attenta anche a tematiche sociali. Ha infatti creato la Fondazione Elisa Sednaoui, un'organizzazione no profit per aumentare la preparazione culturale dei bambini egiziani nelle zone più povere con attività pomeridiane e integrative rispetto a quelle scolastiche. L'associazione è nata durante la gravidanza della donna, che ha affermato in un'intervista che osservare la realtà per mezzo degli occhi di un bambino cambia le priorità.

In circa dieci anni dall'inizio della sua brillante carriera la stella nascente del mondo della moda è ben presto diventata una stella che brilla di luce propria e illumina tutto ciò che la circonda.

Giulia Porceddu

SUGGESTED ARTICLES

Mademoiselle Privé, nel mondo di Coco Chanel

Mademoiselle Privé, nel mondo di Coco Chanel

Un invito nel tempo e nello spazio alla scoperta della maison francese.

Read more

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Hai frequentato il corso di fashion design presso l'istituto Marangoni, per poi dedicarti alle tue collezioni di copricapi ornamentali che portano il tuo nome. Come mai questa scelta?

Non è stata una scelta, ma un percorso che si è sviluppato strada facendo e che in realtà è in continuo sviluppo. Appena uscito dall’Istituto Marangoni ho fatto qualche stage e lavoro ma senza troppe soddisfazioni. Dopo un periodo di confusione si è scatenata in me la voglia di fare qualcosa di nuovo. Ho aperto una linea di abbigliamento e in parallelo è iniziato il mio percorso da “Mad Hatter” quasi per gioco. L’unico punto fermo era che volevo fare qualcosa di mio, dove potermi esprimere al meglio, senza regole o quantomeno poche limitazioni.

Read more

Stella Jean: vita alla Wax & Stripe

Stella Jean: vita alla Wax & Stripe

Stella Jean, designer giovane, di talento, dal sapore multietnico e socialmente sostenibile, nella rosa dei nomi che porta alto il made in Italy.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.