• Fashion

Anatomia di una it-bag: Sicily Bag by Dolce & Gabbana.

Presentata per la prima volta nel 2008 per la collezione P/E successiva, la Miss Sicily è diventata in pochissimo tempo l'accessorio per eccellenza firmato Dolce & Gabbana, un'irresistibile bag dal retrogusto vintage.

Dal 2008, anno in cui la nostra protagonista è stata presentata all'intero fashion-system, la meravigliosa Miss Sicily, o più semplicemente Sicily Bag, è sin da subito entrata di prepotenza nelle wishlist di tutte le fashionistas del globo terracqueo. 

Nata dalle brillanti menti di Domenico Dolce e Stefano Gabbana, la Sicily Bag immediatamente si distingue per principalmente tre fattori: raffinatezza, alta artigianalità e versatilità. Il solo nome è tutto un programma. Cosa infatti, se non l'amata Sicilia, costituisce l'elemento più rappresentativo di questa maison che ha fatto di un'italianità intrinseca l'elemento portante della propria brand identity?

Di forma trapezoidale, con dettagli gioiello, fodera interna in satin e dotata sia di manico che di una pratica tracolla, la Miss Sicily è originariamente disponibile in poche e classiche versioni: formato standard, di pelle nera o bianca, morbida oppure rigida. Successivamente, collezione dopo collezione, questa handbag dal sapore così mediterraneo diventa frutto di una vera e propria metamorfosi, fatta di sperimentazioni, azzardi e nuove ed originali proposte, motivo per cui questa it-bag raramente scade nella banalità.

Come dimenticare la versione mini della collezione P/E 2012 con stampa floreale, di chiara ispirazione bon-ton? E quella totalmente ricoperta di paillettes dell' A/I 2011-12, della serie "less is less and more is better" ? Pizzo, patchwork, denim, animalier, rafia lavorata a uncinetto ed ancora in jacquard di ispirazione barocca, tutti questi i materiali sperimentati ed utilizzati collezione dopo collezione per la nostra Miss Sicily, la quale di anno in anno non fa che confermarsi l'accessorio forse più iconico e rappresentativo del brand.

L'accurata scelta di materiali di eccellente qualità e la meticolosa cura con cui queste piccole opere d'arte vengono portate a compimento non sono un segreto, al contrario costituiscono probabilmente il motivo principale per cui una donna scelga la Miss Sicily piuttosto che una qualsiasi altra borsa.

Viste le decine di versioni in cui questa handbag ci si presenta, risulta conseguentemente molto semplice adattarla ad ogni tipo di look, dal più casual al più raffinato, dal denim al total-black, all' abito anni '50. Ma cosa fa di una semplice borsa un' intramontabile it-bag? Ovviamente chi la indossa!

Tralasciando nomi come Bianca Balti, Madonna e Monica Bellucci, le quali sono state in primis testimonial del brand, alla lista si aggiungono nomi come Blake Lively, Kate Moss, e ancora Victoria Beckam e Sarah Jessica Parker; tutte donne che hanno fatto di una femminilità chic ma anche ostentata il punto di forza della loro immagine. Perché una it-bag, molto più di un diamante, è veramente per sempre.

Noemi Clarizio

SUGGESTED ARTICLES

John Galliano 2.0

John Galliano 2.0

Un nome e un marchio che hanno fatto la storia della moda, ma che ora si affaccia ad una realtà tutta da scoprire

Read more

Roberto Baciocchi, l'archistar delle boutique di lusso

Roberto Baciocchi, l'archistar delle boutique di lusso

Oggi vi presentiamo l'architetto Roberto Baciocchi, l'uomo che ha rivoluzionato il retail del lusso del Gruppo Prada e non solo, ma soprattutto uno tra i professionisti del settore che hanno reso tangibile l'idea di shopping experience.

Read more

Dsquared2, venti anni da protagonisti del fashion

Dsquared2, venti anni da protagonisti del fashion

Gli esordi, le passerelle, gli ammiratori di Dean e Dan Caten. I gemelli canadesi sono pronti a moltiplicare gli sforzi per far crescere il brand sotto ogni aspetto, cominciando dal lifestyle.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.