• Fashion

Sapore di sale, sapore di mare

Ci avviciniamo all'estate e torna a furor di popolo lo stile marinaro. Tra righe e reti da pesca, tra lusso e low-cost, non perdere le news sul navy style.

È più ciclico delle storie di Beautiful e ritorna negli armadi di casa come Lessie, è il navy style e quest'anno bussa alle porte della cabina armadio non solo con le famose righe ma con tanto al seguito. A sdoganare lo stile marinaro e renderlo una tendenza fashion è stata l'incorreggibile mademoiselle Chanel, che negli anni Venti propose uno stile androgino per cardigan e maglioncini ispirate alle divise dei marinai, viste durante un suo periodo di villeggiatura.

Lo stile alla marinara è dunque un classico, è sicuramente amato dalle signore che si preparano ad affrontare l'estate nelle loro case fronte mare in quel di Capri. Ci sono brand che ne hanno fatto un leitmotiv come le stampe di Byblos o Blumarine, le avete presenti? Parlo di quelle che raffigurano il cordone con il nodo marinaro, proprio come quelli che si fanno in barca a vela e che adornano la stoffa di colore blu scurissimo, in aggiunta ad ancore e timoni.

Direttamente dalle passerelle di Milano Fahion Week, abbiamo visto tante proposte di stile, c'era la donna vagabonda di Prada, quella hippie romantica di Gucci, la donna frizzante di Fendi e ovviamente non poteva mancare quella nautica di Max Mara. Proprio quest'ultimo marchio ha rispolverato lo stile tipico della stagione non solo con t-shirt o abiti a righe: ha ridato nuova luce alle gonne longuette segnate dalla vita alta e da bottoni dorati sui fianchi. Maxi trench e blazer doppio petto dalla chiusura irregolare, da abbinare magari a girocollo con grafiche in stile popeye o stellate.

Altro rimando al marinière, forse in forma un po' più esasperata, giocosa e divertente è la proposta donna di Massimo Giorgetti per Emilio Pucci. Il brand, da sempre famoso per le stampe con richiami marini come ad esempio i colori dell'acqua partenopea, terra natale di Sir Pucci, che lo hanno reso famoso nel mondo e che hanno sempre segnato la vita artistica del designer. Pensate che addirittura chiamò il suo primo negozio "La canzone del mare". Ad ogni modo, la collezione fa un estroso uso di richiami evidenti al mondo del mare, come i pantaloni a rete di pescatore con applicazioni di pesci, stelle marine e conchiglie. Dato che le reti raccolgono proprio tutto, qui pescano anche qualche marinaio finito alla deriva dopo il canto della sirena.

Fondamentalmente lo stile marinaresco non è difficile da creare, un must-have è sicuramente la maglia dal motivo a righe blu e bianca, rivisitata nel tempo anche con altri tipi di tonalità a contrasto, declinate soprattutto nel rosso e nell'arancio. Un altro elemento chiave è sicuramente il dettaglio dorato su un abito, come può appunto essere un bottone o una chiusura che compare su un capo dalle linee rigorose e autoritarie ma comunque sobrie delle divise istituzionali. Non può mancare neanche il foulard fantasia da abbinare alla borsa, se proprio volete esagerare lo potete mettere al collo tirando su i capelli.

Le proposte non mancano neanche per l'uomo. Le grafiche e le tonalità non sono poi diverse da quelle della donna, certo cambia la tipologia, le t-shirt per il menswear-navy hanno il taglio quadrato e uno scollo solitamente a barca; anche la lunghezza non arriva troppo oltre l'ombelico, si fermano esattamente alla vita dove parte il pantalone in cotone dritto alla caviglia, arricchito talvolta dalle pence oppure nella variante cargo. Si può giocare con gli accessori come cappelli da marinaio, mocassini o per un tocco più contemporaneo con le slip-on, occhiali stondati e bracciali in metallo o cuoio che richiamino l'intreccio delle famose corde. Il tocco di stile? Un maglione leggero portato sulle spalle e annodato sul petto. È inoltre solito vedere applicati su questi tipi di capi gli stemmi di club sportivi, le bandiere da regata e i gradi da ufficiale.

Rispecchiano a pieno lo stile del marinaio glamour e contemporaneo gli abiti di Dolce&Gabbana, che propongono una serie di capispalla e accessori dal motivo a righe. Si va dalle camicie alle polo, passando per t-shirt e le canotte. Secondo il duo di stilisti, il marinaio moderno che si rispetti ha abbinate anche le cover dello smartphone, le espadrillas ma anche zaini e borse shopper. Ci sono stripes per tutti i gusti, sono così tante che fanno invidia alla segnaletica stradale. Niente panico, scegli con cura!

Se le proposte del luxurywear non vi convincono, possiamo fare un giro per gli store on-line dei brand low-cost. Per esempio Zara seleziona sia per l'uomo che per la donna, capi come maxi dress, cardigan, gonne, t-shirts, camicie e blazer dal retrogusto navy. Insomma una proposta completa. H&M ci stupisce per gli accessori, semplicemente perfetti, che aiutano a completare il look marinaro con ciondoli, orecchini e bracciali dalle diverse forme e fantasie.

Continuate a cercare e mi raccomando, che il buon gusto sia con voi!ì

Alessandro Iacolucci

SUGGESTED ARTICLES

Writing about luxury

Writing about luxury

Stilografiche e penne a sfera disegnate dai maestri-artigiani dell'alta gioielleria per una virilità colta e attenta ai dettagli.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.