• Fashion

Peekaboo Man: la it-bag "for him" by Fendi

Vieni a scoprire tutti segreti dell'iconica borsa per l'uomo moderno che non rinuncia alla comodità, allo stile e all'attenzione maniacale per i dettagli.

Siamo ormai entrati nel 2016 e ancora oggi molti uomini disdegnano anche solo l'idea di avere con sé l'accessorio per eccellenza della donna: la borsa. Ragazzi svuotate le tasche e arrendetevi al prepotente arrivo della bag pensata per lui più cool del momento. Capiente, accessoriata, bella, elegante, rifinita e declinata anche in versione femminile, stiamo parlando della Peekaboo Man by Fendi, la più desiderata da addetti ai lavori e appassionati in generale.

La versione maschile dell'iconico accessorio viene presentata per la collezione Autunno/Inverno 2014-15, ma in realtà la prima vera borsa da donna nacque nel 2008 riscuotendo un incredibile successo in pochissimo tempo. "La Peekaboo si ispira al concetto di lusso sussurrato, dove ogni cosa deve essere scoperta", afferma Silvia Venturini Fendi, che insieme al designer Karl Lagerfeld (creatore del famoso logo della doppia F), porta avanti con successo l'azienda leader nel settore della pelletteria, nata nel 1925 da Adele e suo marito Edoardo Fendi con l'apertura di un negozio e un laboratorio a Roma.

Fu proprio Silvia Fendi a lanciare il concetto di "it-bag" con la famosa Baguette, tornando alla ribalta con la creazione della classica Peekaboo, una borsa "Strutturata ma soft, non un recupero vintage, bensì un oggetto di lusso senza tempo che tiene conto delle esigenze della vita contemporanea". Negli ultimi anni, gli accessori per l'uomo hanno avuto un successo senza precedenti, soprattutto per quanto riguarda quelli più sfiziosi e amati dai fashion victim che non vedono l'ora di mostrarli sui propri profili social. Uno dei più desiderati è proprio lei, la Peekaboo "for him": "Il mio riferimento per l'uomo è l'architettura, mi piacciono le linee pulite, le silhouette essenziali: usiamo materiali importanti, la linea deve essere per forza semplice", afferma la designer.

Perfetta sia per il lavoro che per il tempo libero, la borsa ha una forma tradizionale ma allo stesso tempo moderna e declinata in moltissime versioni con colori, rifiniture e particolari differenti per soddisfare tutti i gusti. Tratto distintivo della maison italiana è l'utilizzo della pelle Selleria, in questo caso nei toni del grigio, blu e nero o in coccodrillo nella versione extralusso. La versione da uomo è più grande rispetto a quella da donna: pratica e funzionale, ricorda la classica doctor's bag con tanto di portadocumenti al suo interno e un tracolla regolabile per un perfetto dandy dei giorni nostri. Cuciture a mano, placca in argento 925 che riporta il numero di serie della borsa, materiali pregiati e interni lavorati con diverse texture sempre in contrasto con il colore dell'esterno sono le caratteristiche essenziali del modello. Una it-bag che presenta una chiusura con un twist lock metallico ma la vera particolarità è visibile nel momento in cui la borsa viene lasciata aperta. Un accessorio intramontabile che non passa di moda, l'oggetto del desiderio di moltissime donne e ora anche degli uomini.

Un uomo elegante, urbano, innovativo e soprattutto con un gran senso dell'umorismo. Questo perché, semplicemente, non rinuncia agli immancabili Bag Bugs che riescono ad intrufolarsi ovunque, sugli abiti, all'interno delle borse o utilizzati come portachiavi. The Funny, The Snob, The Angry, The Savage, The Crazy e The Playful, ognuno ha la propria personalità come annunciano i loro nomi. Sono charms divertenti, buffi ma lussuosi e curati nei minimi dettagli. Sono infatti realizzati con materiali pregiati come pelliccia di volpe, visone e visone rasato oppure in pelle di vitello con annessa una targhetta con logo Fendi inciso, non a caso sono disponibili al prezzo di base di 400 euro l'uno. Irresistibili!

E tu quale Bag Bugs sei?

Claudia Brizzi

SUGGESTED ARTICLES

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Nella seconda metà del XX secolo, in un mondo dominato dal consumo, la Pop Art sconvolge completamente il concetto di arte rendendo l’insieme di stimoli visivi che circondano l’uomo oggetto della propria indagine. Addio quindi ai drammi dell’interiorità e alla depressione elevata a profondità d’animo, via libera invece a colori sgargianti, immagini ripetute infinite volte, personaggi della cultura popolare e oggetti d’uso comune resi simbolo. Oggi, in un mondo della moda dominato da una visione funerea, da modelle emaciate e colori cupi degni di un film horror, i veri rivoluzionari sono quelli che tornano a parlare un linguaggio popolare e gioioso. Marco Ferrero, in arte Iconize, punta proprio a questo: trasformare se stesso e il suo lavoro in un’icona contemporanea. Come? Attraverso lo strumento di massa per eccellenza, internet, che in pieno spirito pop va a sostituire la televisione degli anni ’50.

Read more

James Goldstein e la sua triade di passioni

James Goldstein e la sua triade di passioni

Perché il miliardario James Goldstein non può essere considerato "solo" un uomo d'affari americano? Ecco come moda, basket e architettura gli hanno cambiato la vita.

Read more

Bottega Veneta, tra fotografia e moda

Bottega Veneta, tra fotografia e moda

La storia artistica della maison italiana che dal 2001, con la direzione creativa di Tomas Maier, ha unito alla moda l'arte della fotografia, collaborando con i fotografi più celebri per le sue campagne pubblicitarie.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.