• Fashion

Bionda Castana

Un nome che richiama ironicamente le due fondatrici e creative, emblematico dello stile e della filosofia alla base di tutto. La griffe Bionda Castana è pronta a conquistare le shoe-addicts più esigenti.

Una bionda, una castana. O meglio "the Blonde Brunette", come sono state conosciute agli albori della loro carriera da imprenditrici nel meraviglioso mondo delle calzature donna.

Natalia Barbieri e Jennifer Portman, entrambe italiane per metà, hanno cuore, ingegno e creatività delle migliori tradizioni provenienti dal Vecchio Continente: London coolness e manifattura del nostro Bel Paese (vicino il Lago di Como) per shoes dal sapore internazionale, dalle forme super avant-garde - ma indossabili tutti i giorni, tutto il giorno - e dalla qualità ineccepibile.

Il concetto (e il segreto) è questo: Natalia e Jennifer disegnano modelli che indosserebbero loro stesse e che hanno tutto l'appeal di un tocco perfetto a "chiusura" di outfit. E così è un attimo che attraenti, moderne silhouette prendono il largo dirette a riempire gli scaffali di importanti Department Stores (come Harrods, Selfridges, Harvey Nichols, Avenue32.com e molti altri), ma soprattutto le cabine-armadio di tante donne che non vedono l'ora di dare un kick raffinato, trendy e riconoscibile al proprio look.

Enfasi su modelli classici e sull'attenta ed esperta manifattura, mescolati a dettagli divertenti e gioiosi. Esaltazione di materiali pregiati come pellami esotici, pizzi intrecciati e sete impalpabili. Ecco la collezione Primavera/Estate 2016, già in pre-order sul sito istituzionale del brand. Immancabile il modello signature "Lana" (cosi chiamato in onore della cantante Lana Del Rey) che rimane in cima alle preferenze senza però oscurare i modelli che lanciano trend dai nomi più bizzarri ed eccentrici, come "Animal Kingdom", "Life of the Party", "Golden Girl", solo per citarne alcuni.

Andare alla scoperta di questi mondi vuol dire fare una passeggiata di stile sulle strade delle nostre città, sui corridoi dei nostri uffici o nei locali frequentati per un aperitivo o una cena tra amici. I red carpet lasciamoli alle dive.

 

Ed ora non ci resta che indossarle. Come si dice in questi casi: shoes speak louder than words.

AUTH: Valentina Formichella - PH: Bionda Castana

SUGGESTED ARTICLES

Fashion Low Cost? Si, Grazie.

Fashion Low Cost? Si, Grazie.

LICHT Magazine ti guida nella scelta di 10 "Expensive Outfit" che puoi fare spendendo poco... Manca solo il tuo tocco.

Read more

Intervista ad Avaro Figlio

Intervista ad Avaro Figlio

La demi-couture che nasce nel giardino dell’Eden.

Read more

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Hai frequentato il corso di fashion design presso l'istituto Marangoni, per poi dedicarti alle tue collezioni di copricapi ornamentali che portano il tuo nome. Come mai questa scelta?

Non è stata una scelta, ma un percorso che si è sviluppato strada facendo e che in realtà è in continuo sviluppo. Appena uscito dall’Istituto Marangoni ho fatto qualche stage e lavoro ma senza troppe soddisfazioni. Dopo un periodo di confusione si è scatenata in me la voglia di fare qualcosa di nuovo. Ho aperto una linea di abbigliamento e in parallelo è iniziato il mio percorso da “Mad Hatter” quasi per gioco. L’unico punto fermo era che volevo fare qualcosa di mio, dove potermi esprimere al meglio, senza regole o quantomeno poche limitazioni.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.