• Fashion

Stampe check: un classico è per sempre

I quadretti ritornano dal passato e diventano la nuova fantasia di tendenza per la Primavera/Estate 2016, rivisitati, però, in una chiave contemporanea e disegnati nei colori più in voga per la stagione calda.

C'era una volta la fantasia a quadretti...

Il fashion system insegue le "anti-mode" da molto tempo ma, oggi più che mai, utilizza i dettagli stilistici delle sottoculture, per inserirli nel vintage che tanto fa gola alle fashioniste. Il check è fra questi. Nasce da antiche popolazioni inglesi, attraversa il tempo e arriva a noi grazie al punk e al grunge che lo inseriscono nei loro trend, sia nella sua versione originale o con trama destrutturata, oppure immerso in palette di colori stravaganti, sia indossato come un plaid; la stampa a quadretti la si ritrova sulle passerelle quasi tutti gli anni e, come ogni stagione, questa volta è toccato all'estate, rivisitata in modo creativo e soprattutto innovativo, tanto da avvicinare addirittura anche gli haters di questo stile così particolare, irrinunciabile però per un trend setter che si rispetti.

Scacco matto. Sono i check, dai richiami vagamente anni Novanta. Immancabile, poi, l'ispirazione a quegli anni Sessanta e Settanta che tanto hanno dato alla moda; quelle righe senza tempo che si intersecano e creano nuove geometrie. Micro o macro, classica o nella sua variante a tessuto Vichy, la stampa a scacchi riveste come una seconda pelle capi e look di sfilata della Primavera/Estate 2016. Declinabile in tutti i colori, l'imperativo è osare. Questo pattern, infatti, si presta vezzosamente ad insoliti mix & match dall'anima hipster, oppure incontra la formalità degli abiti da giorno sdrammatizzando con eleganza anche la più importante occasione d'uso. Ipnotica o semplicemente surreale, in ogni caso non ne potrete fare a meno. Attenzione però, anche questo, come ogni trend, ha bisogno di una chiave di lettura. Una fantasia che non è per tutti; richiede carattere ma soprattutto intuito per gli abbinamenti. Anche per i più esperti comunque, il nostro consiglio è di evitare gli eccessi in modo da non risultare un clown impazzito appena uscito dal manicomio. Un'anima sporty-chic non può non cedere alla tentazione di indossare un abito, oppure una semplice giacca in stile check. Pure in questo caso, tuttavia, il fattore match tra i colori è assolutamente determinante ai fini della buona riuscita del look.

Una tendenza S/S 2016 che riprende e rende attuale una delle stampe più iconiche della moda anni 50: i quadretti Vichy. Un motivo, quello dei piccoli quadri bicolore, amatissimo già dalle dive degli anni 30, ma che raggiunse il suo culmine grazie a un'icona come Brigitte Bardot, che proprio per il suo matrimonio nel 1959 indossò un abito a ruota con stampa Vichy bianca e rosa. Da quel momento i vestiti e i pantaloni a scacchi non sono solo indissolubilmente legati all'attrice, ma anche alla sua dolce vita in Costa Azzurra. E oggi come allora evocano subito un lifestyle en plein air e uno stile très chic, fatto di eleganza e leggerezza.

Uno dei motivi più ripresi nella storia del costume l'interpretazione per il 2016, che vuole i quadri ampi e in tonalità accese. Di norma questi motivi, sebbene siano dei veri e propri evergreen, appartengono in modo più specifico alla stagione fredda. Eppure, questa volta ritroveremo delle stampe check sui nostri abiti declinati in tinte più fresche e brillanti, come il turchese, il verde pastello, il rosso corallo e il grigio chiaro, meglio ancora se selezionato nella sua variante metallizzata. Tanti i designer che per la bella stagione hanno (ri)proposto fantasie a quadri e quadretti in diverse dimensioni e colori, declinandoli non solo su camicie casual dallo stile grunge, ma anche su capi e accessori più classici e femminili. Abbiamo pencil skirt, bluse, tute, cardigan, tubini e tracolline chic.

Chanel inserisce la stampa check nella sua idea di femminilità impalpabile riportando la trama a quadretti quasi alle origini; Marc Jacobs la riveste di audacia, creando arditi contrasti di stampe; Stella McCartney, dalla sua, la porta in passerella in versione plaid, con una palette colori che rimanda inevitabilmente alla calda stagione, mentre Victoria Beckham declina il vichy in abiti dallo stile minimal con cuciture taglio laser per mettere in risalto la bellezza di una fantasia così particolare. Miu Miu dedica gran parte della sua collezione alle varie texture e le mixa, Wes Gordon invece si concentra prettamente su due colori: il bordeaux e il grigio melange dando vita a gonnelline plissettate dallo stile collegiale; Stella Jean la destruttura, ingrandisce il pattern in verde e in blu, creando look dall'insolito effetto ottico, ed infine J.Crew riveste i quadretti della loro aura originaria e aristocratica, riportando in luce il bon ton al femminile, lanciando una vera e propria tendenza che conquista le fashioniste. Anche i brand not expensive come Mango, Asos e Topshop hanno reinterpretato questa stampa in versioni più easy e adatte per ogni tipologia di donna, dando origine ad outfit moderni, unici e con un tocco di personalità.

Diamo una quadratura al nostro stile, evviva il check!

Alessandra Rosci

SUGGESTED ARTICLES

Stuart Weitzman, quando la vita sceglie

Stuart Weitzman, quando la vita sceglie

A volte una persona si fa dei piani, ma la vita decide di cambiare rotta e mette di fronte possibilità che non immaginavamo. Così è accaduto a Stuart Weitzman, che da futuro broker diventa in giovane età disegnatore di scarpe, per poi ottenere una delle case più note e amate del settore.

Read more

Palazzo Empire: il

Palazzo Empire: il "monumento" alla it-bag di Versace

La nuova borsa firmata Versace è già un irrinunciabile must have, declinato in mille lavorazioni luxury e protagonista di contest e fashion video da capogiro.

Read more

Le campagne Primavera/Estate 2016: quando il fil rouge diventa la città

Le campagne Primavera/Estate 2016: quando il fil rouge diventa la città

Per le campagne Primavera/Estate 2016 alcuni dei marchi di moda più famosi hanno adottato un filo conduttore: l'ambiente urbano, easy e metropolitano, interpretandolo però secondo la personale filosofia del brand.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.