• Fashion

"Pijamas all-day-long, why not?"

Da veste da camera ad outfit preferito per street-style e front-row, il pigiama di seta da uomo non è mai stato tanto amato ed indossato, tanto che questa primavera/estate è lui il vero protagonista, sulle passerelle ma anche on the road.

Da dentro a fuori, dal salotto allo street-style, chi l'ha detto che il nostro amato pigiama non possa diventare l'outfit più versatile di questa primavera/estate? Il pijamas-all-day-long si afferma infatti come un vero must per la prossima stagione, ribaltando completamente, in questo modo, il vero significato dell'indumento intimo per eccellenza.

Questi completi da camera o suit-pijamas hanno, dagli anni 20/30, sempre esercitato il loro fascino sulle personalità più celebri e di stile del jet-set. Da Coco ChanelGreta Garbo, ad ancora Irene Galitzine e Diana Vreeland, il pigiama di seta, simbolo di un'élite intrinsecamente bohémien, subisce negli anni un vero e proprio sdoganamento, passando così dall'essere un indumento riservato esclusivamente all'intimità delle mura domestiche al diventare un outfit passepartout, assai chic e confortevole, adatto praticamente ad ogni ora della giornata.

Dimenticatevi del tutto l'orrendo pigiamone indossato da Bridget Jones e iniziate a pensare a ciò che di più lussuoso conosciate. Sarà infatti l'eleganza e la raffinatezza che trasmette, o forse l'anima vagamente posh di cui è erede, fatto sta che questa pigiama-mania colpisce veramente tutti. Il pigiama, ma più in generale l'underwear, diventa così uno dei principali protagonisti della stagione S/S 2016, proposto nei più svariati modelli, colori, temi e tessuti.

Di seta ma anche di lino o cotone pregiato, minimal ma anche rococò, con inserti preziosi oppure con motivo patchwork, tutti ovviamente e imprescindibilmente unisex. Da Dolce&Gabbana a Gucci, da Alexander Wang a Emanuel Ungaro, ad ancora Céline, Calvin Klein Collection e Balenciaga, suit-pijamas, slip-dress e vestaglie invadono le passerelle di Parigi, Milano, New York e Londra, donando a chiunque li indossi una sicurezza e un'allure aristocratica che va ben oltre il genere.

L'indoors che diventa outdoors insomma, arrivando ad essere accettato, se non addirittura richiesto, agli eventi più esclusivi dello show e fashion biz, l'importante è saperlo accessoriare. Moltissimi dunque i brand, dai più blasonati ai più ricercati, ad inserire il completo da camera e l'underwear nelle loro collezioni day-wear, consacrando questo trend come un vero e proprio dogma di eleganza.

Se siete dunque il tipo di uomo/donna cui la domenica proprio scoccia doversi togliere quel pigiama o quella sottoveste tanto comoda, questa è decisamente la vostra stagione, aggiungeteci l'accessorio e les jeux sont faits, non potevate essere più chic!

Noemi Clarizio

SUGGESTED ARTICLES

Shiny Crack shoes: qualcuno ha detto Gucci?

Shiny Crack shoes: qualcuno ha detto Gucci?

Le Shiny Crack, le scarpe del momento realizzate dal nuovo Art Director di Gucci Alessandro Michele, sono diventate un must have irrinunciabile, le calzature più richieste e gettonate tra gli accessori della Maison.

Read more

Azzedine Alaïa e l'inno allo slow fashion

Azzedine Alaïa e l'inno allo slow fashion

Il designer tunisino non si piega ai ritmi acceleratissimi della moda di oggi, presentando la sua collezione FW 2016 un mese dopo il calendario ufficiale, per "prendersi il tempo necessario per crearla".

Read more

Vezzoli: quando la moda diventa mecenatismo

Vezzoli: quando la moda diventa mecenatismo

Francesco Vezzoli, fra gli artisti contemporanei più apprezzati e chiacchierati dalla critica, è l'esempio perfetto del mecenatismo contemporaneo.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.