• Fashion

Giorgio Brato: luxury leather "made in Bologna"

Ovvero la storia del brand Made in Italy che con il suo operato è riuscito a ridefinire il concetto di "leather jacket", ad esatta metà strada tra alta sartorialità e fashion.

Giorgio Braschi, da tutti conosciuto più semplicemente come Brato, nasce a Bologna nel 1967. Figlio di una famiglia già da tempo affermata nel settore della pelletteria, inizia subito a far pratica in questo ambito ereditando l'importanza dell'alta artigianalità del prodotto come uno dei valori fondamentali del proprio lavoro.

Dopo un primo periodo in cui il designer si specializza nella realizzazione di giacche ed accessori tecnici per motociclisti, nel 2001 fonda finalmente il suo brand "Giorgio Brato". Dal giubbino di pelle al borsone in cuoio pseudo-trasandato ad ancora l'intera gamma di capi prêt-à-porter minimal, tutto all'interno del mondo Giorgio Brato sembra essere sinonimo di lusso e unicità.

Uno degli aspetti decisamente migliori della leather jacket by Brato risiede senza dubbio nella lavorazione dei capi stessi, soprattutto nella tintura che prende il nome di "tintura a capo", tecnica che prevede la colorazione del capo già confezionato. I risultati sono palpabili: migliore vestibilità del capo e un effetto volutamente "vissuto", aspetti che conferiscono alle giacche quel tocco di cool che non guasta mai. È infatti questo intrigante connubio tra artigianalità del contenuto e il fashion della forma, tra prezzi proibitivi e colori a volte un tantino eccessivi, a rendere il brand Giorgio Brato tanto desiderabile.

Nonostante il focus rimanga sempre e comunque sulle jacket in pelle, la produzione negli anni si è piuttosto ampliata: accessori nei pellami migliori, dalla più classica e immancabile nappa al camoscio, alla pelliccia, al cocco, poi zaini, messenger e scarpe dalle texture esotiche, ed ancora le linee prêt-à-porter sia femminile che maschile. Arriva poi nel 2014 la collaborazione con la Ducati, la quale definisce e celebra un vero e proprio ritorno alle origini dello stilista emiliano.

Accessori dunque impeccabili, unici nel loro genere, estremamente vissuti, quasi logori a volte, ma sempre e necessariamente glamour, che vanno ad inserirsi in un mercato decisamente di nicchia, non compreso o condiviso dai più, in una sola parola elitario. Gli store multibrand dove Giorgio Brato è presente sono di assoluto rilievo: dagli Stati Uniti al Giappone basta citare H. Lorenzo a Los Angeles oppure Otta a New York, ed ancora concept store come LECLAIREUR Paris e Andreas Murkudis a Berlino, senza dimenticare Antonia ed Excelsior a Milano; Giorgio Brato è dunque la storia di un brand e del suo designer fondatore, il quale ha avuto l'ammirevole intuizione di coniugare tradizione ed attualità, Made in Italy e cosmopolitismo, ma più semplicemente il classico con il moderno.

Noemi Clarizio

SUGGESTED ARTICLES

Swatch e la rivoluzione pop nell'industria orologiera svizzera

Swatch e la rivoluzione pop nell'industria orologiera svizzera

Colorato, divertente, facile all'uso. Il primo marzo 1983 fu lanciato a Zurigo lo Swatch, l'orologio che salvò l'industria svizzera.

Read more

Fausto Puglisi, quando il fascino siciliano conquista gli USA

Fausto Puglisi, quando il fascino siciliano conquista gli USA

Considerato uno dei più promettenti talenti della nuova generazione di stilisti italiani, Fausto Puglisi è partito dall'America per realizzare il suo sogno di fare la moda "alla maniera di Gianni Versace".

Read more

Gianvito Rossi: non c'è innovazione senza tradizione

Gianvito Rossi: non c'è innovazione senza tradizione

Femminilità, eleganza e modernità sono i segreti del designer di calzature capace di regalare emozioni alle donne che indossano le sue creazioni.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.