• Editor's Pill

Rock Decor

Per il rocker dei tempi moderni, che si ispira allo stile immortale delle celebri band, la parola d'ordine sembra essere "decorativismo all'ennesima potenza". Gli stilisti milanesi abbracciano il ritorno dei simboli rock'n'roll per eccellenza, aggiungendo particolari inediti e dettagli fantasiosi: Alessandro Michel docet.

 Senza sesso e senza tempo, ma con l’eccesso che diventa la chiave di volta del fashion show di Roberto Cavalli by Peter Dundas. Eccessivo e camaleontico è un mix tra pattern e decori. Percorrendo il rock degli Stones l’Ad rilegge il must che ha sempre contraddistinto il brand cavalli: l’animalier, inserendo un tocco hippie chic all’interno di una collezione che si fa esagerata ma bilanciata. Le sneaker diventano il cult da abbinare a qualsiasi total, anche sotto gli abiti in chiffon. Fur, fantasie e ricami non possono mancare nel wardrobe del chitarrista 2016.

Sempre strong le fila della runway di Antonio Marras. Fedele al suo approccio romantico e visionario il designer sardo sembra immergersi in un viaggio tra suggestioni gitane, echi alle tradizioni amish e al suono delle cornamuse scozzesi. Ricca di riferimenti che si ramificano in tutte le culture, la collezione racconta la mascolinità ricorrendo ai biker, ai completi spezzati o coordinati con i check e i tartan; a tanti capi e accessori che ricordano gli allevatori delle mandrie americane. Non mancano motivi floreali, applicazioni in pelliccia e altri ricercati dettagli che ingentiliscono il guardaroba. 

EMMEDG
Marco Di Giorgio

SUGGESTED ARTICLES

Milena Canonero e l'italianità di cui andare fieri

Milena Canonero e l'italianità di cui andare fieri

La costumista italiana vince il premio Oscar ai migliori costumi per “The Grand Budapest Hotel”.

Read more

Free Fantasy

Free Fantasy

Ma chi l'ha detto che la stagione invernale deve essere solamente plain color? Quest'anno gli abiti e gli accessori si colorano di nuance accese e sgargianti, ma soprattutto danno libero sfogo alla fantasia.

Read more

Giorgio ma quante ne combini?

Giorgio ma quante ne combini?

Giorgio Armani manda in libreria un memoir in cui racconta di sé, della moda e della rivoluzione nel costume che lui stesso ha provocato.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.