• Editor's Pill

MFW il mio punto di vista sullo street style

La Settimana della moda meneghina si è chiusa con Re Giorgio e i due gemelli di Dsquared.

La Settimana della moda meneghina si è chiusa con Re Giorgio e i due gemelli di Dsquared.

Milano Moda Uomo non è solo passerelle, presentazioni, eventi, cocktail; non ci dimentichiamo che tutto è fatto di persone, e inevitabilmente i fashion insiders, a qualunque livello, finiscono sotto i riflettori. 

Ritratti dai celebri fotografi di streetstyle come dai passanti di turno che per "non sbagliare" (avvertendo l'atmosfera che si respira con l'invasione di modelli/e, telecamere ecc.) scattano foto con i loro smartphone, è impossibile non parlare degli addetti ai lavori, bloggers, cosiddetti "influencers" che inondano le strade del quadrilatero e i luoghi nevralgici delle sfilate in città.Viene spontaneo chiedersi: gli outfits indossati, che rimbalzano sul web di sito in sito, sono appositamente preparati per stupire? Oppure hanno davvero il buongusto e l'accortezza di accoppiare tweed a pijamas, fur a paillettes e mixare tante textures senza disturbare l'occhio di chi guarda?

Del resto c'è sempre chi si distingue per raffinatezza, eleganza, magari in alcuni casi “sperimentazione”, e chi al contrario esagera, finisce con lo stridere nonostante il fashion system, per definizione, sia aperto a qualsiasi declinazione dell'abbigliamento, che deve passare attraverso scelte personali.Giorgio Armani sostiene, da tempi non sospetti, che nella vita c'è differenza tra vestirsi e travestirsi. Lecito, dunque, domandarsi quando si supera la soglia di una "dimensione" per sprofondare nell'altra.

La conclusione, provvisoria, è che ad alcuni è permesso tutto, in fatto di scelte azzardate nella mise di turno e di stile nell'accezione più ampia del termine. Per tutti gli altri, sarebbe cosa buona e giusta assecondare il proprio gusto, tenendo però bene a mente alcuni principi basilari che, dalla nascita della stessa moda in ogni sua forma ad oggi, si rivelano ancora straordinariamente attuali.

EMMEDG
Marco Di Giorgio

Tags: fashionweek, milano

SUGGESTED ARTICLES

Palazzo Empire: il

Palazzo Empire: il "monumento" alla it-bag di Versace

La nuova borsa firmata Versace è già un irrinunciabile must have, declinato in mille lavorazioni luxury e protagonista di contest e fashion video da capogiro.

Read more

Top 5: Sorprese gastronomiche tra le strade di Milano

Top 5: Sorprese gastronomiche tra le strade di Milano

I 5 ristoranti di Milano più "in" della città, ricchi di tradizione, arte, storia, dall'atmosfera cosmopolita e dallo stile unico; insomma, sorprendenti a tutto tondo.

Read more

Fascino metropolitano e carattere sperimentale: la nuova eleganza porta il nome di Proenza Schouler

Fascino metropolitano e carattere sperimentale: la nuova eleganza porta il nome di Proenza Schouler

Il brand fondato e diretto dai due amici ed ex-compagni di studi alla Parsons School, Jack McCollough e Lazaro Hernandez, è diventato una realtà di riferimento attesissima della fashion week newyorkese.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.