• Editor's Pill

Layering Graphic

Sovrapporre più indumenti l'uno sull'altro, con il duplice effetto di "stratificare" il look in vista del freddo invernale e mescolare capi, in apparenza inconciliabili, con estro e voglia di sana sperimentazione. Aggiungete al tutto grafiche e fantasie di ogni genere ed avrete l'ennesima tendenza di stagione.

 Il Direttore Creativo di Ferragamo sottolineando il suo must per le silhouette accurate ed ordinate, si concentra sui grafismi dei tessuti e delle stampe geometriche costruendo una figura in cui nulla è lasciato al caso. I tagli affilati dei pantaloni insieme alle giacche rendono l’insieme lineare e clean, pur ricco di check e pullover illustrati. Questa volta l’interesse non è solo sulla linea ma alla resa visiva di ogni layout. Enormi si imprimono le fantasie sui maglioni super color. Questa volta l’argyle, il tartan e le righe si rivelano il punto focale per colorare l’uomo senza dover ricorre ad espediente pop.

 Massimo Giorgetti di MSGM narra l’efebica esilità ricorrendo a delicate stampe floreali e fit relaxed. L’intera collezione sembra buttata sui modelli e per nulla studiata, un sovrapposizione che ammicca al disordine e non allo stile. Un Paul Verlaine del nuovo millennio che cammina annoiato ed ebro per le strade delle grandi capitali del mondo. Le cromie brillanti invadono le pellicce.

Silvia Venturini propone un nuovo step per il guardaroba maschile Fendi, rivisitando i capisaldi storici della maison all’insegna di volumi e del divertissement. Impila uno sopra l’altro stili differenti senza stridere: il finestrato, il principe di galles, il maxi check caratteristici dell’abbigliamento formale, sono reinterpretati con ironia, orientandosi ad un mix inusuale a tratti sperimentale, del tutto convincente. Il suit proposto impellicciato o con tessuti che lo rendono divertente. Giallo, rosa, rosso, fumetti e cartoni invadono tutto; dalle borse ai pullover. Un uomo fashion ma con un dettaglio comics

EMMEDG
Marco Di Giorgio

SUGGESTED ARTICLES

Adriano Cisani is the eye of whatAstreet

Adriano Cisani is the eye of whatAstreet

Da cosa nasce il tuo progetto whatAstreet?

Il progetto di whatAstreet nasce nel 2013, quando ho pensato di dare un’ordine alle foto che scattavo. whatAstreet è il mio modo di raccontare quello che mi sta attorno mentre viaggio, di raccontare le persone che partecipano alle fashionweek in chiave realistica e a volte irriverente cercando il più possibile di rappresentare la realtà che può essere piacevole e in altri casi un po’ meno.

Read more

Andrea Incontri: Il designer di Tod’s racconta l’amore per l’artigianalità italiana

Andrea Incontri: Il designer di Tod’s racconta l’amore per l’artigianalità italiana

Sei laureato in architettura e hai una grande passione per l’arredamento, in che modo l’interior design influenza la tua moda? 

Mi hanno sempre affascinato gli arredi e le mie prime esperienze professionali sono state nel mondo dell’interior. Ho iniziato ad interessarmi di moda vestendo gli spazi, in secondo luogo c’è stata la progettazione di prodotti di design.

Read more

Tendenze Army-Style

Tendenze Army-Style

I capi iconici dei soldati conquistano la moda. Dalle severe fogge militari al camouflage, la parola chiave è reinterpretazione. Dal passato alle collezioni 2016, l'army-style conquista tutti.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.