• Editor's Pill

Borderline

Per chi rifugge classificazioni o "raggruppamenti" di qualsiasi tipo, basta dare un'occhiata ad alcune griffe della MFW, che seguono percorsi del tutto originali, moltiplicando universi di riferimento e riunendo, sulla stessa passerella, influenze, contaminazioni, cifre stilistiche diverse fra loro. Fuori dal coro sì, ma come moda comanda!

 Donatella Versace non fa mai a meno dei suoi tratti distintivi: la gamma cromatica che esplora un pastello saturo, l’imponenza mitologica nel raccontare la virilità, L’estremizzazione di ogni trend fino a esploderlo in qualcosa di rileggibile. Nel prossimo inverno arricchisce i suoi focus con l’uso di materiale riflettente, quasi alluminico, su pantaloni, giacche e sherling coat. A modo suo la stilista cede alla vanità maschile fornendo al suo uomo spille, applicazioni patchwork e maxi bag traslucide per personalizzare alla Versace maniera ogni look.

こんにちは (konnichiwa) dice l’uomo di Dsquared2. Le suggestioni e i richiami al Giappone, in ogni forma, sono palesi: dalle stampe kimono, al lettering orientale e alle proporzioni. Un manga a milano! Din e dan si spingono più a occidente passando per le higland scozzesi catturando kilt e la fantasia tartan tipica della camiceria gaelica. Immancabile il denim e uscite più strong tipiche del due canadese.

EMMEDG
Marco Di Giorgio

SUGGESTED ARTICLES

Tendenze Army-Style

Tendenze Army-Style

I capi iconici dei soldati conquistano la moda. Dalle severe fogge militari al camouflage, la parola chiave è reinterpretazione. Dal passato alle collezioni 2016, l'army-style conquista tutti.

Read more

Tilda Swinton, camaleontica nello stile e nel talento

Tilda Swinton, camaleontica nello stile e nel talento

Icona di stile, musa di artisti e attrice di fama mondiale, per l’eterea e stravagante Tilda Swinton il tempo sembra non passare mai. E, all'insegna dei suoi 55 anni appena compiuti, noi di Licht Magazine abbiamo voluto dedicare un "focus on" a una delle donne più influenti e carismatiche di Hollywood.

Read more

Milena Canonero e l'italianità di cui andare fieri

Milena Canonero e l'italianità di cui andare fieri

La costumista italiana vince il premio Oscar ai migliori costumi per “The Grand Budapest Hotel”.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.