• Fashion

Shocking Blue per una scarica di energia

L’electric blue è il colore “must” delle collezioni Primavera/Estate 2015.

Il colore dell’estate? Il cosìdetto “Shocking blue”. Uno dei colori must che non può mancare nel nostro guardaroba: un vestitino o un maglioncino di questo colore vi renderanno subito trendy e all’avanguardia. Il Royale Blue, la nuance pop per eccellenza, colora capi e accessori di una nuova vita, all'insegna dell'audacia. Il blu intenso irrompe nell’abbigliamento delle collezioni Primavera/Estate 2015 portando un flash di tonalità forti che ricordano i nostri adorati anni ’80. Indossare l’electric blue significa innanzitutto distinguersi per estro a colpo d’occhio. Colore deciso ma non esagerato ha il vantaggio di farsi subito notare. Brillante, carico e pieno di energia, il power blue è diventata una vera e propria tendenza. Sulle runaways dei grandi della moda come Emporio Armani, Antonio Marras, Balmain e Christian Dior per Haute Couture, il blu elettrico ha fatto davvero furore.

La questione che si pone ora è: con che colori abbinarlo? Come tutte le nuance dalle tinte forti e brillanti, trovare degli accostamenti interessanti non è immediato ma neanche impossibile. Basta usare un po’ di fantasia e un pizzico di buon gusto. Ricorrere ai colori base per eccellenza è la soluzione più semplice quando si è alle prese con una tonalità particolare: in questo caso, blu e nero e blu e bianco sono formule infallibili. Tuttavia, per dare vita ad un outfit più curato da perfetta fashionista, perché non provare il blu abbinato sia al bianco che al nero? Altra soluzione potrebbe essere un total look blu elettrico, di grande tendenza ed estremamente chic: punto di forza delle collezioni di Versace, Elie Saab e Philip Plein.

Insomma, le combinazioni sono tante, ma la cosa più importante è quella di dare spazio alle nostre idee e ogni tanto seguire anche il nostro istinto infallibile, che in fatto di moda raramente può commettere errori. Abbinare il blu elettrico, trend della stagione Primavera/Estate 2015 non è affatto un’impresa: basta non aver paura di sentirsi protagoniste e di emergere tra la folla. Il mio consiglio? Tirate fuori un pizzico di originalità e sicuramente non sbaglierete!

Alessandra Rosci

SUGGESTED ARTICLES

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Nella seconda metà del XX secolo, in un mondo dominato dal consumo, la Pop Art sconvolge completamente il concetto di arte rendendo l’insieme di stimoli visivi che circondano l’uomo oggetto della propria indagine. Addio quindi ai drammi dell’interiorità e alla depressione elevata a profondità d’animo, via libera invece a colori sgargianti, immagini ripetute infinite volte, personaggi della cultura popolare e oggetti d’uso comune resi simbolo. Oggi, in un mondo della moda dominato da una visione funerea, da modelle emaciate e colori cupi degni di un film horror, i veri rivoluzionari sono quelli che tornano a parlare un linguaggio popolare e gioioso. Marco Ferrero, in arte Iconize, punta proprio a questo: trasformare se stesso e il suo lavoro in un’icona contemporanea. Come? Attraverso lo strumento di massa per eccellenza, internet, che in pieno spirito pop va a sostituire la televisione degli anni ’50.

Read more

Workwear, il lavoro che non dispiace

Workwear, il lavoro che non dispiace

Jumpsuit e salopette, capi nati per gli operai, ormai in cima alla lista dei desideri di ogni fashion victim che si rispetti. Il workwear spopola, soprattutto nella stagione più calda. Chi ha detto che il lavoro deve essere per forza qualcosa di spiacevole?

Read more

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Hai frequentato il corso di fashion design presso l'istituto Marangoni, per poi dedicarti alle tue collezioni di copricapi ornamentali che portano il tuo nome. Come mai questa scelta?

Non è stata una scelta, ma un percorso che si è sviluppato strada facendo e che in realtà è in continuo sviluppo. Appena uscito dall’Istituto Marangoni ho fatto qualche stage e lavoro ma senza troppe soddisfazioni. Dopo un periodo di confusione si è scatenata in me la voglia di fare qualcosa di nuovo. Ho aperto una linea di abbigliamento e in parallelo è iniziato il mio percorso da “Mad Hatter” quasi per gioco. L’unico punto fermo era che volevo fare qualcosa di mio, dove potermi esprimere al meglio, senza regole o quantomeno poche limitazioni.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.