• Fashion

Salvatore Piccolo: from Napoli to the world

La crescita e il successo di un camiciaio partenopeo, che dal piccolo laboratorio è asceso ai top retail mondiali, grazie al prestigio della tradizione.

La moda non è solo fatta di nomi illustri, moderne meteore, riadattamenti del vecchio, invenzione del nuovo, ma anche di tradizione, artigianalità e, perché no, famiglia. Questi sono fattori molto cari a Salvatore Piccolo, noto produttore di camicie e complementi maschili di sane origini napoletane, dove è il "vecchio" ad abbracciare il nuovo.

La sua, infatti, sembra una favola d'altri tempi, in cui il giovane Salvatore cresce tra i fili e il know how materno, produttrice di camicie su misura all'interno della propria casa, per poi ritrovarsi in un magazzino di un opificio di camicie da cui trae l'amore e l'attenzione per i tessuti. Da lì a poco apre un proprio laboratorio, nel pieno rispetto della tradizione sartoriale napoletana, dedicato a pochi clienti e affiancato dalla professionalità materna, da cui apprende tutti i cicli produttivi e la scrupolosa cura nel dettaglio che ogni capo artigianale deve possedere.

In poco tempo la piccola realtà, firmata Salvatore Piccolo, si trasforma in una solida azienda con richieste in tutto il mondo, rapporti con i principali buyer internazionali e la presenza in numerose fiere nostrane come Pitti Uomo. Una vera crescita esponenziale, che ha portato l'imprenditore/sarto ad essere nominato da Barneys, noto retail americano, come miglior camiciaio al mondo e ad ampliare la propria gamma prodotto, introducendo giacche, cravatte e foulard per un total look tradizionale ma moderno, che rievoca accenti e sapori orientali con tagli anglofoni e partenopei.

Ogni capo è costruito, pensato e realizzato a mano al fine di soddisfare e rendere unico ogni cliente e in qualsiasi situazione. Le shirt by Piccolo vanno, infatti, dall'intramontabile e irrinunciabile camicia bianca alle più moderne e casual a fantasia, realizzate con tessuti inediti, o dalle diverse varianti di colli da poter abbinare con disinvoltura. Loro perfetto accoppiamento sono, però, le giacche del marchio, che uniscono storia e contemporaneità attraverso materiali pregiati e originali. Il tutto si chiude con gli accessori in seta arricchiti da fantasie, pattern, colori, trame che conferiscono carattere e fascino nostrano.

Un desiderabile sogno a "prima prova", in cui acquistare significa letteralmente sentire proprio, dove vestirsi si discosta dall'indossare, perché il cliente è unico e irripetibile e l'eleganza non tramonta nemmeno all'ombra del Vesuvio.

Ilaria De Leonardis

SUGGESTED ARTICLES

Sophie Hulme: a very

Sophie Hulme: a very "unconventional" talent

Dal perfetto stile inglese, il brand Sophie Hulme, che prende il nome dall'omonima designer, ha ottenuto in pochi anni un così grande successo da raggiungere vendite stellari nei più importanti store del mondo, permettendo in questo modo, alla stessa stilista, di espandere la sua linea, prima circoscritta alle borse e oggi integrata con capi di abbigliamento e tanti accessori.

Read more

A.mare P.er C.redere

A.mare P.er C.redere

"‘Atelier de Production et de Création’ vi dice nulla? Se la risposta è no, non potete non scoprire un brand francese nato negli anni '80 e ormai di fama internazionale, raccontato per voi da LICHT Magazine".

Read more

Dotcom Fendi: una borsa, mille usi!

Dotcom Fendi: una borsa, mille usi!

LICHT Magazine analizza in ogni sua peculiarità l'ultima creazione della maison Fendi. Introdotta in occasione della pre-collezione P/E 2016, la Dotcom sembra non avere alcun difetto e, grazie a caratteristiche ben precise, farà innamorare ogni cliente della casa di moda.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.