• Fashion

Dalla strada alla passerella: nuove varianti di couture

Essere cool non è mai stato così comodo, grazie a Nasir Mazhar e Gosha Rubchinskiy per questo 2016 vedervi indossare la tuta non sarà più un privilegio del corriere Bartolini; tra sneakers e Diy la moda è sempre meno rigorosa.

Sempre più spesso, negli ultimi tempi, abbiamo avuto la possibilità di notare sulle passerelle un cambiamento lento quanto incisivo su tutto ciò che finora eravamo abituati a definire couture; la moda "severa" e a porte chiuse, che per anni ha fatto perdere la testa a milioni di persone e rabbrividirne altrettante, si sta finalmente ammorbidendo e sta lasciando penetrare alcuni elementi tipici dell'ambiente underground.

I brand che riescono a cavalcare questa sottile linea sono quelli che stanno definendo una nuova generazione, come Hedi Slimane per Saint Laurent, che ha costantemente campionato sottoculture con i suoi pantaloni aderenti e cravatte sottili, la spiccata apertura verso il gender bender di Hood By Air o ancora, quella verso topic culturali poco noti come Nasir Mazhar con i chola di Londra o Gosha Rubchinskiy con gli skaters di San Pietroburgo.

Come da qualche tempo, ormai, un nuovo universo di culture sia riuscito ad influenzare anche le più importanti passerelle di haute couture è osservabile da due punti di vista: marchi minimalisti dalla visione avanguardista come Raf Simons, Comme des Garçons, Maison Martin Margiela e Rick Owens, hanno iniziato a creare sempre più spesso delle collaborazioni con i brand del settore street.

Nel mentre abbiamo potuto osservare sempre più elementi dello street nelle sfilate delle più importanti maison di haute couture di tutti i tempi. Diamo un'occhiata ad alcuni di questi "nuovi" elementi e scopriamo insieme da dove provengono.

LA TUTA

Avreste davvero mai pensato potesse succedere? Il capo che per anni abbiamo associato a capelli in disordine e viso struccato, che oltre che per lo sport e per ritirare pacchi dal corriere Bartolini non ci saremmo mai sognati di indossare, ora è uno dei trend per eccellenza e Nasir Mazhar lo sapeva, lo sapeva già nel 2013.

LE SNEAKERS

Tutti i momenti passati ad agonizzare in equilibrio su costosissime scarpe alte, che hanno terrorizzato legioni di ragazze adolescenti alle prime armi e incantato donne adulte, sembrano improvvisamente scomparsi. Che vengano abbinate a jeans o a preziosi abiti di alta moda non importa, ciò che realmente conta per un look cool è indossare sneakers. Tra i primi a sfoggiarle in passerella il nostro amato Karl Lagerfeld per la sfilata di Chanel nel 2014.

IL DIY

Grazie a Pinterest tutti noi sappiamo bene di cosa si tratti, ma vederlo utilizzare così sfacciatamente sul catwalk, come se a sfilare fossero legioni di punk fedeli e devoti a Sid Vicious, è tutta un'altra storia.

LA T-SHIRT

Risale ai primi del '900 e al tempo la utilizzavano i marinai esclusivamente sotto ai vestiti; negli anni '50 grazie a Marlon Brando divenne un vero cult ed iniziò a spopolare, ora non vederla tra le collezioni dei più rinomati designer è letteralmente impossibile. Tra sfilate e collaborazioni l'amatissimo capo, un tempo casual, è diventato di super élite.

Serena Scozzafava

SUGGESTED ARTICLES

Sophia Loren Lipstick by Dolce & Gabbana: il “suo” rosso, la sua firma!

Sophia Loren Lipstick by Dolce & Gabbana: il “suo” rosso, la sua firma!

“Non è solo un rossetto, ma un gesto d’amore dedicato da Dolce&Gabbana a Sophia Loren e a tutte le donne che vogliono labbra piene e luminose”

Read more

Sophie Hulme: a very

Sophie Hulme: a very "unconventional" talent

Dal perfetto stile inglese, il brand Sophie Hulme, che prende il nome dall'omonima designer, ha ottenuto in pochi anni un così grande successo da raggiungere vendite stellari nei più importanti store del mondo, permettendo in questo modo, alla stessa stilista, di espandere la sua linea, prima circoscritta alle borse e oggi integrata con capi di abbigliamento e tanti accessori.

Read more

Paolo Pecora, dalla maglia al total look il passo è breve

Paolo Pecora, dalla maglia al total look il passo è breve

Il brand dell'omonimo designer ha raggiunto nel 2014 un fatturato di 10 milioni; pensare che fino a non molto tempo fa Pecora era "solo" innamorato dei tessuti...

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.