• Fashion

Common Projects, tra sneakers e brogues "no ordinary"

Due creativi newyorkesi hanno unito le forze per un "progetto comune": creare il paio di scarpe perfetto. LICHT vi racconta come, dal debutto nel 2004 ad oggi, i loro modelli hanno raggiunto i migliori stores mondiali.

Scarpe comode, minimal, che facessero "parlare" le loro silhouettes da se. Era questo l'obiettivo di Flavio Girolami e Peter Poopat, fondatori e designers del brand Common Projects. I due si conobbero negli anni Novanta in un bar di New York: al tempo Girolami era consulente creativo per varie aziende, Poopat lavorava come creative e art director (anche per V Magazine, ndr). Spinti dal comune entusiasmo per le sneakers, decisero di collaborare per un progetto che li portò al lancio della loro collezione di scarpe "Made in Italy". È infatti in una piccola fabbrica delle Marche, specializzata in calzature eleganti da uomo, che l'idea di Poopat e Girolami si è concretizzata sviluppando modelli dalle linee basiche confortevoli ed eleganti, offrendo un sapiente equilibrio tra stile e qualità.

Niente swooshloghi di qualsiasi genere, solo dieci cifre dorate "scolpite" vicino al tacco esterno di ogni scarpa; divise in tre serie, sono diventate l'emblema che contraddistingue una scarpa per il resto totalmente pulita. I numeri non sono però permanenti e possono, infatti, essere rimossi senza tanta difficoltà per un look ancora più minimalista. Ognuna delle tre serie di cifre corrisponde al numero del modello, alla misura europea e al colore della scarpa. Tenendo a mente il loro obiettivo (proporre calzature che fossero esteticamente raffinate e di ottima fattura), i due creativi debuttano nel 2004 con la loro prima collezione, "Achilles by Common Projects". Scarpe basse in pelle bianca, grigia o nera, forme lineari ed alta vestibilità; Flavio e Peter colmano così il divario tra le loro amate sneakers griffate Nike, Adidas o Converse, diventando un nome virale sui siti di riferimento, da "Hypebeast" a "Selectism". Dato il successo riscosso, nel 2009 lanciano la loro prima capsule da donna. Tutti ne parlano e tutti le comprano: queste sneakers dallo stile basic sono state infatti menzionate tra le "scarpe della settimana" per ben due volte (2011 e 2014) dalla rivista GQ, indossate da numerose celebrities come Nick Jonas, Kanye West e Jay Z, fino a diventare le più gettonate tra i fashion editors e gli addetti ai lavori.

Dall'estro di Tim Coppens a quello di Robert Geller. Questi due designer hanno affiancato il duo di Common Projects per collaborazioni che hanno portato innovazione e freschezza all'immagine del brand, rivoluzionandone l'austera estetica. Robert Geller realizza infatti, nel 2009, una linea di anfibi; seguiranno diverse altre partnership creative, una delle più recenti risale alla Spring/Summer 2015 ed era incentrata su modelli slip-on in pelle scamosciata. Nel 2012 Coppens ha invece reso omaggio alle storiche Airwalk Lava, lanciando uno dei modelli più conosciuti ed apprezzati della label, le "B-Ball High-Top Sneakers".

Un'idea, un brand, una filosofia. Il percorso di Flavio e Peter li ha portati alla creazione di un modello che ha capovolto la tradizionale idea di sneakers, rendendo quest'ultima una scarpa camaleontica, comoda e desiderabile. Da un piccolo investimento iniziale alle vetrine di boutique come Dover Street Market e Harvey Nichols a Londra, Barneys a New York, Colette, Printemps, Le Bon Marché a Parigi e decine di altri celebri retailers, anche online, di livello internazionale. Per loro il futuro è color... Oro, sotto ogni punto di vista.

Giulia Catena

SUGGESTED ARTICLES

Charlotte Olympia Dellal, la designer ereditiera con uno stile sopra le righe

Charlotte Olympia Dellal, la designer ereditiera con uno stile sopra le righe

"Perché la femminilità nasce dentro di noi", sostiene Charlotte Olympia. Una designer per cui il glamour e il mondo delle pin-up degli anni '40 e '50 non è mai passato di moda. Eccentrica e stravagante ma talvolta femminile e sensuale, vediamo quale è stato il suo percorso.

Read more

Workwear, il lavoro che non dispiace

Workwear, il lavoro che non dispiace

Jumpsuit e salopette, capi nati per gli operai, ormai in cima alla lista dei desideri di ogni fashion victim che si rispetti. Il workwear spopola, soprattutto nella stagione più calda. Chi ha detto che il lavoro deve essere per forza qualcosa di spiacevole?

Read more

Stuart Weitzman, quando la vita sceglie

Stuart Weitzman, quando la vita sceglie

A volte una persona si fa dei piani, ma la vita decide di cambiare rotta e mette di fronte possibilità che non immaginavamo. Così è accaduto a Stuart Weitzman, che da futuro broker diventa in giovane età disegnatore di scarpe, per poi ottenere una delle case più note e amate del settore.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.