• Fashion

Campagne pubblicitarie S/S 2016: a tutto Pop!

LICHT vi propone l'analisi delle campagne pubblicitarie, per la prossima stagione S/S 2016, di quei brand che hanno fatto del colore e dell'elemento pop il tratto distintivo. Da Fendi a Moschino, da Ferragamo a Sonia Rykiel e, ancora, Missoni e Iceberg.

Gennaio, ormai è appurato, ogni fashion victim che si rispetti lo attende soltanto per un motivo: le campagne pubblicitarie della stagione successiva.

Fotografi, top models, videomakers e make-up artists, tutti riuniti in un connubio di forze con l'unico scopo di rendere il più esplicito e pubblicitario possibile il mood e il messaggio della collezioneAtmosfere pop, scenografie invadenti e colori decisamente poco sobri sono un mix che quest'anno è stato scelto da molti brand per le loro advertising campaigns S/S 2016.

LICHT Magazine, solo per voi, ne analizzerà qualche esempio.

FENDI

Dopo l'opinabile scelta di eleggere la poco più che diciannovenne Kendall Jenner come volto della maison romana, quest'anno in casa Fendi le cose sono andate decisamente meglio. Protagonista indiscussa di questa campagna è infatti la top model inglese Edie Campbell, affiancata dall'americana Vanessa Moody.

Diretta dall'immancabile Karl Lagerfeld, l'advertising risulta essere un vero e proprio omaggio ai top values del marchio. Un inno, dunque, alla raffinatezza della maison, fatto da una scenografia composta da giganteschi fiori dai colori forti e decisi e da modelle dalle fattezze quasi immateriali, in netto contrasto quindi con gli abiti indossati e l'ambiente circostante. Che dire se non: "chapeau Karl"?

MOSCHINO

Memori del fashion show cosa ci si poteva aspettare dall'advertising campaign se non un vero e proprio trionfo Pop?

Diretta da Steven Meisel, la campagna per la primavera estate 2016 firmata Moschino è un'invadente esplosione di colori, un melting-pot di artificiose pose anni '50 e scenografia di dubbia adeguatezza, che vede come risultato una plasticità palpabile. Protagoniste di questo car-wash improvvisato in un'imponente villa signorile sono Joan Smalls, Fei Fei Sun, Lexi Boling e Maartje Verhoef, le sole a riuscire a dare quel tocco di classe necessario per evitare una catastrofe.

SALVATORE FERRAGAMO

Ambientata in una meravigliosa villa presso una non ben definita  località di mare italiana, la campagna pubblicitaria per la SS 2016 firmata Ferragamo prende il nome di "Lo splendore della vita".

Impegnati in un elegante e glamour "hide & seek" ("nascondino", ndr) i modelli, tra cui Jon Kortajarena e Jing Wen, indossano abiti dalle stampe geometriche e patterned, in lieve contrasto con il candore della tenuta in cui si trovano.

I protagonisti hanno solo dieci secondi per nascondere loro stessi e i loro preziosi abiti e accessori dagli altri partecipanti; il tutto diretto e reso possibile dai talentuosi Theo Stanley e Craig McDean.

[GUARDA LA CAMPAGNA]

SONIA RYKIEL

Cosa c'è di più pop ed effortless chic, allo stesso tempo, delle sorelle Georgia May e Lizzy Jagger? Nulla a quanto sembra, perché sono infatti proprio loro le muse scelte dal brand Sonia Rykiel.

Coperte di tessuti metallizzati, paillettes per un mood "disco anni '80" e fur a più non posso, le sorelle Jagger interpretano il ruolo delle ragazzine capricciose, prima in studio e poi subito dopo catapultate "into the woods", portavoce inoltre di quel glamour intrinseco proprio della collezione stessa.

MISSONI

Fondale neutro, finte dune color sabbia e giallo ocra, è questa la sobria e scarna scenografia scelta da Missoni.

Freja Beha Erichsen insieme al nuovo volto maschile Victon Ndigwe, diretti da Harley Weir, sono i nuovi profeti di questo grande e tanto atteso ritorno alle origini del marchio: lo sportswear.

Un misto di naturalezza, geometria e sensualità spigolosa, mixati nel tentativo di perseguire l'unico valore apparentemente importante: quello della giovinezza. La maison ha rilasciato, di recente, anche un breve video collegato all'Adv. 

ICEBERG

Un perfetto gioco di stampe, effetti optical e sfondi digitali: è l'ultima campagna realizzata in casa Iceberg.

Palesemente ispirata al mondo dada e surrealista di Hans Arp e Max Ernst, l'adv prolunga quel discorso di ironica e dirompente gioventù già iniziato nelle precedenti collezioni.

Tra un Mickey Mouse, un motivo alla candy cane e un pois di troppo, i modelli sembrano passare distrattamente di fronte l'obbiettivo, quasi fossero parte integrante dello sfondo patchwork.

Noemi Clarizio

                                                                                                           

SUGGESTED ARTICLES

Gianvito Rossi: non c'è innovazione senza tradizione

Gianvito Rossi: non c'è innovazione senza tradizione

Femminilità, eleganza e modernità sono i segreti del designer di calzature capace di regalare emozioni alle donne che indossano le sue creazioni.

Read more

Let's go shopping

Let's go shopping

Ovvero come si comporta un Lichter di fronte al bivio più temuto: e-commerce o Real Shop?

Read more

Pierre Hardy: il calzolaio magico

Pierre Hardy: il calzolaio magico

Tutto quello che c'è da sapere su Pierre Hardy, il designer ballerino che dal 1999 ad oggi ha conquistato donne e uomini di tutto il mondo con le sue scarpe.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.