• Art&Lifestyle

Cool Hunter: a caccia di tendenze

Chi è? Cosa fa? Quali sono i requisiti fondamentali per svolgere bene questo lavoro? Scopri tutti i segreti del mestiere più "cool" del momento solo su LICHT Magazine!

Curiosità, creatività, fiuto, intuito, spirito di osservazione, voglia di viaggiare e un amore sconfinato per la propria macchina fotografica. Dai più noti fotografi di street style agli addetti ai lavori come buyers, giornaliste e stylists, fino ad arrivare alle socialite e fashion icon più in voga del momento. Il Cool Hunter, anche conosciuto come "cacciatore di tendenze", è colui che la moda la crea, ispirando migliaia di fashion victims.

Il termine "Cool Hunter" è stato introdotto per la prima volta dallo studioso di mutamenti sociali Malcom Gladwell nel 1997 in un articolo sul New Yorker intitolato "The Coolhunt"; in Italia, invece, questo termine si è diffuso con il libro "No Logo" di Naomi Klein, la giornalista canadese che definiva i Cool Hunter come i "tampinatori legalizzati della cultura giovanile".

Osserva, documenta, confronta, definisce e soprattutto cerca di cogliere i segnali che prendono forma dalle strade, dai locali, i comportamenti e i diversi stili di vita con l'obiettivo di cogliere tutto ciò che potrebbe piacere sia alle persone comuni che agli addetti ai lavori; tenendo sempre in considerazione le famose 4 "P": progetti, persone, posti e programmi.

I cacciatori di tendenze sono coloro che hanno deciso che quel maglioncino infeltrito di turno sarebbe dovuto arrivare sullo scaffale di un grande magazzino, ed infine essere acquistato inconsciamente anche da tutti coloro che ritengono di aver fatto una scelta puramente casuale e non dettata dalle ultime tendenze.

Il primo ad aver "creato" questa professione fu il fotografo Bill Cunningham del New York Times, che iniziò a scattare durante la Seconda Guerra Mondiale.

Oggi, il più famoso "street style photographer" è Scott Schuman, autore del blog "The Sartorialist", che aprì i battenti il 29 settembre 2005. "Non volevo diventare un fotografo di moda, ma sapevo in qualche modo che prima o poi le mie passioni per la moda e la fotografia si sarebbero riunite. Non immaginavo che questo sarebbe potuto accadere grazie ad un blog su internet!" commenta Schuman che, grazie al passaparola dei suoi fans, al lavoro svolto negli uffici vendita di store e marchi come Bergdorf Goodman e Jean Paul Gaultier, è riuscito ad ottenere importanti collaborazioni con Condé Nast, diventare consulente per moltissimi marchi e scrivere un libro nel 2009, che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo.

Tommy Ton

Posizionati strategicamente fuori dalle sfilate e sempre pronti ad immortalare le celebrities e non solo, i fotografi di street style sono davvero tantissimi, tra i più amati ci sono Lee Oliveira e Tommy Ton, il blogger canadese autore del sito jakandjil.com, che in breve tempo è riuscito a guadagnarsi la stima dei più importanti stilisti, ricoprendo un ruolo fondamentale all'interno del fashion system come massima fonte d'ispirazione.

Olivia Kim

Tra i buyers, invece, troviamo colei che, dopo 10 anni da Opening Ceremony, oggi è la creative project director di Nordstrom, l'azienda americana di retail fondata nel 1901 e presente in 38 stati americani. Stiamo parlando di Olivia Kim, la buyer e cacciatrice di tendenze per eccellenza. Estimatrice convinta del passaparola, confessa che "sui social vince chi è se stesso" e che non bisogna aver paura di rischiare nella vita.

Barbara Martelo

Semplicità, glamour e una particolare attenzione ai dettagli, queste sono le caratteristiche che contraddistinguono una delle fashion icon spagnole più fotografate durante le fashion weeks. Barbara Martelo, dopo aver lavorato come avvocato per l'azienda Inditex, approda nella redazione di Vogue Spain ricoprendo il ruolo di fashion editor e nel 2007 inizia la sua carriera da freelance, collaborando con alcune delle più importanti riviste del settore, come Vanity Fair e Harper's Bazaar.

Anna Dello Russo

Descritta dal fotografo Helmut Newton come "maniaca della moda", l'Editor at Large di Vogue Japan Anna Dello Russo è fonte d'ispirazione per moltissime fashion victims e non passa di certo inosservata grazie al suo stile eccentrico, stravagante e mai banale. Non perderti tutti i look più "in" direttamente sul sito!

Giovanna Battaglia e Emmanuelle Alt

"I Want to Be a Battaglia" e "I Want to Be an Alt". Due siti creati da Kellina de Boer (fan accanita della famiglia Roitfeld) interamente dedicati alla vita di due fashion icon. Il primo incentrato sull'italiana Giovanna Battaglia che, dopo aver ricoperto il ruolo di capo redattore per Vogue Gioiello e Vogue Pelle e curato editoriali e servizi per molteplici testate, oggi lavora come stylist freelance a New York. Il secondo prende a modello l'elegantissima Emmanuelle Alt, direttrice di Vogue France.

Miroslava Duma

La nuova regina di stile viene dalla Russia! L'ex-fashion editor della rivista Harper's Bazaar Miroslava Mikheeva Duma, detta Mira, lavora come giornalista freelance ed è una delle icone più seguite del momento, un successo dovuto anche all'apertura del suo sito Buro 24/7, un vero e proprio blog sul quale condivide le sue passioni, i look, gli articoli e gli scatti degli eventi mondani.

Adam Gallagher, Johannes Huebl e Nick Wooster

Questi sono i tre influencers maschili per eccellenza. Il primo è il fondatore del blog più seguito di New York, Huebl lo conoscete tutte vero? Ovviamente è uno dei modelli più richiesti oltre ad essere il marito della nostra amata Olivia Palermo.

Nick Wooster, invece, prima buyer e direttore moda dei grandi magazzini del lusso Neiman Marcus, oggi è uno degli uomini più seguiti su Instagram (@nickwooster).

Niente è lasciato al caso, in un mondo in continua evoluzione, diventa fondamentale la ricerca e lo studio di nuove tendenze, non solo nel campo della moda ma anche dell'arredamento, dell'arte, del marketing e della comunicazione.

Claudia Brizzi

SUGGESTED ARTICLES

Kate Bosworth: quando la diversità è donna

Kate Bosworth: quando la diversità è donna

 

Attrice, modella, designer e testimonial dei più grandi marchi di moda, Kate Bosworth è riuscita a diventare un'istituzione nel mondo di Hollywood, una leggenda grazie ai suoi film e una influencer per il suo stile inconfondibile.

Read more

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Nella seconda metà del XX secolo, in un mondo dominato dal consumo, la Pop Art sconvolge completamente il concetto di arte rendendo l’insieme di stimoli visivi che circondano l’uomo oggetto della propria indagine. Addio quindi ai drammi dell’interiorità e alla depressione elevata a profondità d’animo, via libera invece a colori sgargianti, immagini ripetute infinite volte, personaggi della cultura popolare e oggetti d’uso comune resi simbolo. Oggi, in un mondo della moda dominato da una visione funerea, da modelle emaciate e colori cupi degni di un film horror, i veri rivoluzionari sono quelli che tornano a parlare un linguaggio popolare e gioioso. Marco Ferrero, in arte Iconize, punta proprio a questo: trasformare se stesso e il suo lavoro in un’icona contemporanea. Come? Attraverso lo strumento di massa per eccellenza, internet, che in pieno spirito pop va a sostituire la televisione degli anni ’50.

Read more

Dive 2.0: Chiara Nasti e Nima Benati Exclusive Interview

Dive 2.0: Chiara Nasti e Nima Benati Exclusive Interview

Intervista a Chiara Nasti e Nima Benati, le nuove celebrità del web.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.