• Art&Lifestyle

#movie: Charlie and the Chocolate Factory

Nel 2005, a distanza di trentaquattro anni dal film di Mel Stuart, Tim Burton ci regala un remake di un cult della storia del cinema. Una favola a tinte dark che racconta vizi e virtù, mettendo a confronto la famiglia e la società attraverso l'espressione metaforica e non della migliore delle dolciarie: il cioccolato! Cioccolato che rappresenta molto più di un favoloso snack incarnando il significato della bontà e della dolcezza umana. Bontà che sembra essere solo un miraggio nelle famiglie dei fortunati vincitori del tour all'interno della fabbrica dell'enigmatico Willy Wonka. Solo Charlie ne conosce e ne possiede il vero significato. L'abbraccio povero, o per meglio dire puro, dei suoi familiari è la cioccolata più buona che possa esistere al mondo e per cui non rinuncerebbe mai, nemmeno di fronte all'offerta di possedere la fabbrica dei suoi sogni. E di fronte a tanta purezza persino l'animo scoraggiato e disilluso dell'eccentrico Wonka rimane spiazzato. Fino al punto da riconsiderare vecchie prese di posizione aprendo la strada a nuovi propositi di vita. Perché si è sempre in tempo per cambiare idea e per mettersi sulla retta via. Soprattutto se accanto si hanno le persone giuste. E magari del buonissimo e tenero cioccolato! 

Valerio Amer

SUGGESTED ARTICLES

Italian Revolution

Italian Revolution

Brand italiani che non riuscirete di certo ad ignorare.

Read more

Carolin Holzhuber: The shoe talent

Carolin Holzhuber: The shoe talent

L’anno appena passato ha fatto spazio a designer nuovi e talentuosi. Parlando di scarpe quella che spicca tra gli altri è Carolin Holzhuber. Nata e cresciuta in Austria,si diploma in design, e a vent’anni decide di trasferirsi a Londra,dove si è laureata nel 2011 in fashion footwear alla London College of Fashion.

Read more

Perchè LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT (NON) è un capolavoro

Perchè LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT (NON) è un capolavoro

Perchè andare a vedere lo chiamavano Jeeg Robot esordio di Gabriele Mainetti alla regia? Probabilmente perchè fa da apripista ad un nuovo ciclo italiano mettendo d’accordo tutti, o quasi.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.