• Art&Lifestyle

Nouvelle Cuisine: savoirs français entre les rues de Rome

L'atmosfera parigina sbarca tra le strade di Roma attraverso la cucina di alcuni dei migliori ristoranti della città, che hanno deciso di puntare sull'eccellenza e il gusto del cibo francese.

Baguette, fromage, foie gras, escargot, croissant, detto in francese è tutta un'altra storia. C'è poco da fare, la Francia ha sempre il suo fascino non solo per gli splendidi paesaggi che offre o l'atmosfera storico-romantica delle strade di Parigi, ma anche e soprattutto per la cosiddetta Nouvelle Cuisine.

La filosofia della cucina francese si basa su radici storiche ben fondate e su tratti caratteristici molto precisi come l'esaltazione del gusto, la combinazione dei colori degli alimenti, l'amore per il dettaglio e, infine, la cura della presentazione del cibo. Non è solo una questione di palato, perché l'obiettivo della gastronimie française è quello di sviluppare ognuno dei cinque sensi ed in particolare la vista, privilegiando la presentazione e l'aspetto degli alimenti ed eliminando quelle guarniture che appesantiscono inutilmente i piatti. Per ricreare, così, quell'atmosfera e quel gusto parigino ammirato in tutto il mondo non potevano mancare, anche nella nostra città capitolina, ristoranti che hanno deciso di cimentarsi e specializzarsi nella creazione di piatti francesi, trasformando questa idea nel loro punto di forza.

Volete farci una capatina per curiosità o perché amanti della Nouvelle Cuisine? Bene, abbiamo scelto per voi i quattro ristoranti francesi più famosi di Roma, alla scoperta degli angoli di Parigi nel cuore della capitale.

Claire Bistrot

Claire Bistrot è ben più di un semplice ristorante; luogo di incontri e condivisione in cui non appena metti piede ti trasmette allegria e serenità oltre, sicuramente, a rappresentare una cucina francese di alto livello. Non lontano dall'Auditorium a Piazza dei Carracci 4, il posto è perfetto per una pausa pranzo semplice e veloce ma ricca di gusto e qualità che, tra le proposte, offre sandwich, hamburger, tartare e cocotte. La sera, invece, diventa un vero ristorante, con piatti di origine italiana e altri della tradizione regionale d'Oltralpe. Un leggiadro bristrot alla francese caratterizzato da un arredo gradevole, da colori chiari, conserve alle pareti, disegni liberty e una luce studiata con attenzione. Da provare assolutamente è il raviolo al gorgonzola, in cui la perfezione della stiratura e della cottura della pasta e l'esplosione di sapori che ti colpiscono all'assaggio, fanno di questo piatto una vera e propria opera d'arte culinaria. Per soddisfare le richieste di tutti i suoi clienti, inoltre, Claire Bistrot fa attenzione anche agli ospiti celiaci, offrendo molti piatti in modalità "gluten free".

Le Carré Français

Per allargare i confini del gusto a Roma i locali non mancano, ma in questo piccolo bistrot in Via Vittoria Colonna 30, a due passi da Piazza Cavour, che si propone anche come pâtisserie (pasticceria), boulangerie (panetteria), boucherie (macelleria), fromagerie (formaggeria), épicerie (drogheria), cave à vin (enoteca), si torna volentieri, in compagnia di amici o con una persona cara. E non perché vengano proposte seducenti ricette afrodisiache o vini francesi di grandi annate, ma per un'atmosfera intima e accogliente fatta di boiseries, luci calde e discorsi non urlati, che unita alla gentilezza del servizio avvolge e fa star bene. Foie gras, confit de canard, vini pregiati, biscotti al burro, confiture e tè in quantità, ma soprattutto di grande qualità.

Madeleine Roma, salon de gastronomie

Inaugurato lo scorso 4 Dicembre a Via Monte Santo 64, nel quartiere Prati, Madeleine Roma è diventata una nuova bella realtà tutta in stile parigino. Una volta entrati, si viene trasportati indietro nel tempo, al periodo della Belle Epoque; un'esperienza sensoriale che tocca la vista attraverso un arredo curato nei minimi dettagli con pezzi d'Art Nouveau ed il gusto con una cucina sperimentale ed innovativa, che mixa i piatti della tradizione romana con i capisaldi tipici della cuisine française. Un salotto del bien vivre, che in onore della madeleine proustiana, il dolce di Francia per eccellenza, promette di divenire un luogo magico per chi vuole immergersi completamente in un angolo parigino ma allo stesso tempo non vuole abbandonare le proprie radici romane, senza allontanarsi troppo dalla sua tradizione. Veloce e "zero gourmet" sono le parole chiave del pranzo che offre piatti facili ma realizzati con materie prime attentamente selezionate. Per la sera, invece, il menù muta ogni due mesi in modo da armonizzarsi al meglio ai cambi di stagione, per utilizzare quanto più possibile frutta e verdura del territorio. Ça va sans dire, "Madeleine Roma et les joux sont faits".

Charly's Saucière

Un'istituzione da oltre quarant'anni, Charly's Saucière, sito in Via San Giovanni in Laterano 270, è diventato ormai una certezza nella ristorazione cittadina. Ambiente caldo, accogliente e dal profumo di casa, che contribuisce ad arricchire la varietà della cucina in città attraverso la realizzazione di piatti dall'allure franco-svizzera. Se si vuole assaporare carne di qualità mentre si sorseggia un vino pregiato scelto dalla cantina personale del ristorante, allora Charly's Saucière è il posto perfetto per una persona amante di una cucina originale e internazionale, realizzata con l'amore di chef preparati e soprattutto appassionati. Il servizio delicato e gentile rende poi il tutto un'esperienza piacevole e rilassante, da ripetere e gustare nuovamente.

Viene, così, a definirsi la cuisine parisienne legata alla bontà e al sapore attraverso la ricerca e l'utilizzo di cibi di prima qualità e la realizzazione di piatti che fanno "esplodere" le nostre papille gustative; concetto, questo, che definisce perfettamente  la filosofia e il significato della cucina e della tradizione francese, che da sempre abbina la genuinità dei prodotti ad un'idea di cibo sano, gustoso e soprattutto bello da vedere.

Chocolat, tarte tatin, crêpes, macaron… Ed è subito Francia.

Alessandra Rosci 

SUGGESTED ARTICLES

Rockstud di Valentino Garavani, anatomia di un accessorio

Rockstud di Valentino Garavani, anatomia di un accessorio

Le iconiche scarpe dall'attitude rock che hanno conquistato tutte.

Read more

Perchè LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT (NON) è un capolavoro

Perchè LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT (NON) è un capolavoro

Perchè andare a vedere lo chiamavano Jeeg Robot esordio di Gabriele Mainetti alla regia? Probabilmente perchè fa da apripista ad un nuovo ciclo italiano mettendo d’accordo tutti, o quasi.

Read more

"Tie-Dye or not Tie-Dye", that is the question

Dalla cultura hippie dell'America anticapitalistica degli anni '60 alle catwalks più prestigiose, è la fantasia tie-dye la vera protagonista di questa spring-summer 2016.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.