• Art&Lifestyle

Let's drink! Milan edition

Dove e perché andare a bere al termine di una noiosa giornata lavorativa in quel di Milano? Noi pensiamo di avere la risposta.

Frenetiche routine, noiosissime cene di lavoro, ma anche folli fashion weeks e interminabili giornate lavorative, tutto questo è anche Milano. Dove recarsi dunque la sera per affogare i propri stress nell'alcool o più semplicemente per festeggiare qualsiasi cosa sia degna di essere festeggiata? In un momento in cui locali pseudo indie/vintage/cool vengono aperti all'ordine del giorno, sperimentare e dunque fare una cernita sembra essere quindi essenziale per la nostra sopravvivenza nella giungla urbana.

So let's start (and drink).

DRY

Fondato dallo chef stellato Andrea Berton e dal team del Pisacco Restaurant, Dry, in Via Solferino 33, è in poco tempo diventato una tappa irrinunciabile della notte milanese. Inserito in un contesto chic ma non troppo, dove la vetrata e il bancone sono i veri protagonisti, con il suo menù il locale propone un'accoppiata decisamente insolita ma per certi versi essenziale: pizza e cocktail.

Della serie Margherita e Cosmopolitan, why not?

FONDERIE MILANESI

Immerso in un cortile della Milano nascosta ai più, in Via Giovenale 7, dove un tempo si trovava una vera fonderia, ora c'è "Fonderie Milanesi", un locale tanto difficile da trovare quanto speciale. Adatto sia per un brunch che per un dopo cena, il locale trova il suo vero fulcro nel giardino esterno, colorato, silenzioso e a tratti irreale. Altrettanto curati sono gli interni, avvolti in un'atmosfera un po' vintage ma altrettanto contemporanea, fatta di chiacchiere, musica jazz ed ottimi ed originali cocktail.

THE BOTANICAL CLUB

Nato nel 2015 dalle menti di Davide Martelli e Alessandro Longhin il "Botanical Club" è un vero must se si tratta di gin e distillati. "Il gin è alchimia, ricerca, armonia" affermano infatti i due proprietari di questa distilleria in Via Pastrengo 11. Con un interior design a metà tra il retrò e il minimal e con il reparto di mixologia interamente curato da Katerina Logvinova, il club è un vero punto di riferimento per tutti coloro che alla quantità preferiscono di gran lunga la qualità.

MAG CAFÈ

Situato in zona Navigli, in Ripa di Porta Ticinese 43, il "Mag Cafè" è uno dei pochi locali ad aver mantenuto intatta la sua autentica anima bohémien, dove bohémien sono anche i nomi dei cocktail, la musica e le illustrazione che decorano i muri. Ideato da Flavio Angiolillo e Marco Russo, già autori di chicche come "1930", il Mag Cafè sembra quindi essere la materializzazione delle note di artisti come Erik Satie e Claude Debussy, per una serata in perfetto stile Parigi fine '800.

IL SECCO

Anche questo nel cuore del Navigli, in Via Angelo Fumagalli 2, "Il Secco" è considerato da molti il Re delle bollicine. Se infatti ad un semplice gin-tonic prediligete un bicchiere di spumante oppure di brut Il Secco è il posto che fa per voi.

Non fatevi intimidire dallo spazio apparentemente ristretto, il tutto è sicuramente compensato dalla vastità e qualità della carta dei vini, sia alla mescita che in bottiglia, e dalle proposte di finger/street food decisamente originali e accattivanti. Cosa state aspettando?

Noemi Clarizio

SUGGESTED ARTICLES

Green Fashion

Green Fashion

La moda responsabile delle Lichter in quattro brand glamour e desiderabili.

Read more

Amara: Una donna ed un turbante

Amara: Una donna ed un turbante

Ore 19, diluvia. Corro a casa (rischiando la morte più volte), devo intervistare una giovane cantante poco conosciuta dal grande pubblico (nonostante le 40.000 visualizzazioni su Youtube). Prendo coraggio, mai intervistato qualcuno al telefono. Vabbè sticazzi, attivo la registrazione e chiamo: «Pronto sono Davide Falcone di Licht Magazine, avrei programmato un’intervista con Erika», «Te la passo subito, è proprio qui!» risponde un ragazzo dalla voce simpatica.

Read more

Azzedine Alaïa e l'inno allo slow fashion

Azzedine Alaïa e l'inno allo slow fashion

Il designer tunisino non si piega ai ritmi acceleratissimi della moda di oggi, presentando la sua collezione FW 2016 un mese dopo il calendario ufficiale, per "prendersi il tempo necessario per crearla".

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.