• Art&Lifestyle

Legomania: l'azienda danese colpisce ancora e apre i battenti a Milano

Ripercorriamo la storia dei mattoncini più famosi al mondo e la loro ascesa nel mondo dell'arte, della musica, del cinema e anche del fashion system.

Siamo nel 2002 e in Germania, precisamente a Colonia, aprì il primo LEGO Brand Store. Il secondo nel Regno Unito e nel giro di pochissimi anni, l'azienda arriva anche Oltreoceano, aprendo un negozio monomarca a New York nel 2011. Finalmente è la volta dell'Italia, entro fine estate, infatti, verrà inaugurato il Lego Certified Store presso il nuovo centro commerciale di Arese in provincia di Milano, nel quale avremo la possibilità di trovare un assortimento completo di tutti i prodotti della società.

Dall'arte al cinema, fino ad arrivare al magico mondo della moda, la Legomania continua ad insediarsi nelle nostre vite con grande successo. Dall'artista italiano Stefano Bolcato che nel 2007 dipinse dei tableaux vivants con i personaggi Lego, oppure il videoclip della canzone "Fell in Love With a Girl" del gruppo The White Stripes, i numerosi videogiochi basati sulle avventure di Guerre Stellari e di Indiana Jones o il software LDraw che permette di creare modelli LEGO in 3D. Ma non finisce qui...

Grazie a Instagram possiamo divertirci e ammirare le creazioni di Maria Sheila Miani, che sul profilo @legolize_fashion pubblica le cover dei più importanti magazine di moda tra i quali Vogue, ELLE e Glamour rivisitati in chiave LEGO, trasformando le modelle protagoniste delle copertine in pupazzetti ridisegnati a regola d'arte.

L'attrice Jessica Alba è stata fotografata con una sua creazione e molte altre star di Hollywood sono in fila per comprarne una, stiamo parlando delle borse create dalla giovanissima Maria Sole Cecchi. "Basta con accessori senza forma, tristi. Le donne vogliono farsi vedere. Via la tristezza! Voglio fare accessori di abbigliamento col Lego", ha dichiarato la designer. Tutto ebbe inizio nel 2013 a Parigi, durante una fiera Maria Sole espose le creazioni del suo marchio "Les petits joueurs" e in soli 45 minuti fu assalita da migliaia di ordini.

Anche nel mondo del cinema non mancano i fanatici dei famosi mattoncini. Ormai è diventata una vera e propria mania quella di ricreare i trailer dei film più celebri con i LEGO. Da quelli storici come "Matrix", "Lo Squalo" e "Blade Runner" a quelli dedicati ai personaggi della Marvel come Iron Man, Captain America, Ant-Man e Avengers fino ad arrivare agli ultimi in uscita nelle sale cinematografiche, tra cui "Guardiani della Galassia", "Terminator Genisys", "X-Men: giorni di un futuro passato" "Batman v Superman: Dawn of Justice".

La famosa mostra allestita con un milione di mattoncini si chiama The art of the brick, ideata dall'artista statunitense Nathan Sawaya. Considerata dalla CNN una delle dieci mostre imperdibili al mondo, vede protagoniste 85 sculture costruite interamente con i famosi mattoncini. "Mi piace usare i Lego come strumento, perché mi diverte la reazione della gente quando vede opere d'arte create con qualcosa che gli è familiare. Il mio obiettivo è quello di portare questo semplice giocattolo in una posizione diversa", dichiarò l'artista sul suo sito ufficiale. Una delle caratteristiche della mostra è che alcune sculture sono ispirate a famose opere d'arte come "Il bacio" di Klimt e "L'urlo" di Munch.

Il fotografo canadese Jeff Friesen reinterpreta alcuni dei più noti stencil di Banksy, il rivoluzionario autore dei graffiti più conosciuti al mondo. Il fotografo pluripremiato, insieme a sua figlia June, ha deciso di dar vita a questo progetto unico e irripetibile, con lo scopo di riprodurre alcuni dei più celebri murales di Banksy e battezzandolo con il nome di Bricksy, un simpatico e accattivante gioco di parole.

Per non parlare delle 33 band riprodotte con i LEGO. Infatti, il famoso critico di musica malese Adly Syairi Ramly ha deciso di rendere omaggio ad alcuni dei suoi gruppi musicali preferiti, dai Beatles ai Daft Punk, senza dimenticare anche le band richieste espressamente dai suoi più cari amici, come gli One Direction e gli 'N Sync! "Perché ricreare le band? Perché la musica per me è una delle cose più importanti e devo dire che Lego e musica vanno di pari passo" afferma l'artista.

Ripercorriamo la storia dei famosi mattoncini ad incastro.

L'azienda, fondata nel 1916 dal falegname danese Ole Kirk Christiansen, inizia a produrre i famosi mattoncini assemblabili nel 1949 ma fu solo nel 1958 che essi assunsero la caratteristica forma che vediamo ancora oggi. il nome LEGO è stato scelto nel 1934 e deriva dall'unione di due parole danesi, "legt godt" che significa "gioca bene". Purtroppo, in seguito ad un grave incendio che colpì la bottega di falegnameria nel 1924 e alla famosa crisi del 1929, il proprietario decise di riaprire la fabbrica e di dedicarsi alla costruzione di prodotti più piccoli, in particolar modo di giocattoli in modo da poter velocizzare il processo di produzione. Nel corso degli anni il famoso mattoncino venne modificato più volte fino ad ottenere una stabilità quasi perfetta, e fu solo nel 1958 che venne creato quello dalla classica forma utilizzata fino ad oggi. Dieci anni dopo venne costruito il Parco LEGOLAND a Billund, città Natale di Ole Kirk Christiansen, che raggiunge ogni anno circa un milione di visitatori. Negli anni Sessanta si assistette ad una grande espansione sia per quanto riguarda il fatturato che per il numero dei dipendenti e, nel 1974, vennero costruite le prime figure umane vendute all'interno della linea LEGO family. Nel 1997 l'azienda lanciò il suo primo videogioco LEGO Island e nel 1999 venne presentata la serie LEGO Rock Raiders e la serie LEGO Star Wars. Nel 2003 la società danese dovette affrontare una grave crisi economica che causò grandi problemi, tra i quali il licenziamento di migliaia di dipendenti e un deficit di 188 milioni di euro.

Nel corso degli anni, il gruppo ha lanciato sul mercato moltissime serie, tra le più note ricordiamo: LEGO Bionicle, LEGO Prince of Persia, LEGO Atlantis, LEGO Ninjago, LEGO Stars, LEGO Pirati dei Caraibi, LEGO Friends, LEGO The Lord of the Rings , LEGO Monster Fighter e, nel 2015, le richiestissime LEGO The Simpsons, LEGO Jurassic World e LEGO Scooby-Doo. Numerose le confezioni tematiche prodotte dall'azienda, a cominciare dai robot, i pirati, i dinosauri, le navi, le città ed i treni, senza dimenticare le più celebri e apprezzate su Guerre Stellari e Harry Potter. Nel 2013 è stato realizzato il modello più grande in assoluto e costituito da 2606 pezzi: una grande gru mobile, gli altri tre grandi set sono il Taj-Mahal, la Morte Nera e la Tour Eiffel.

Nel 2010 la Universal distribuisce il film LEGO: Le avventure di Clutch Powers e nel 2014 esce il film The Lego Movie, prodotto da Village Roadshow Pictures e Warner Bros, che ottenne un enorme successo tanto da portare ad una vera e propria rinascita commerciale.

Finiamo in bellezza con una parola ben precisa: LEGOLAND. Vi ricorda qualcosa? Si tratta dei parchi tematici costruiti in varie nazioni, il primo fu fondato a Billund in Danimarca, nel 1996 fu la volta di LEGOLAND Windsor in Inghilterra e in seguito vennero costruiti ilLEGOLAND Californiaa Carlsbad, negli Stati Uniti, e il LEGOLAND Deutschland nel distretto di Günzburg in Germania. Il 15 ottobre 2011 ha aperto il quinto parco, LEGOLAND Florida a Winter Haven negli Usa. Andiamo?

Claudia Brizzi

SUGGESTED ARTICLES

Maurizio Cattelan, profilo di un provocatore seriale.

Maurizio Cattelan, profilo di un provocatore seriale.

LICHT magazine traccia il profilo di Maurizio Cattelan, l’artista contemporaneo più quotato nel sistema dell’arte. Irriverente, dissacrante, a tratti blasfemo; sono solo alcuni degli aggettivi con i quali si può descrivere questo artista in base alle sue opere.

Read more

Specchio specchio delle mie brame, cravatta o papillon?

Specchio specchio delle mie brame, cravatta o papillon?

LICHT analizza con voi le cravatte e i papillon di tendenza, dai modelli più classici a quelli più estrosi. E perché no, essendo sotto le feste anche qualche idea-regalo per tutti.

Read more

Il Preppy non passa mai di moda!

Il Preppy non passa mai di moda!

Che sia per uomo o per donna lo stile preppy non passa mai di moda. Dai giovani rampolli americani ai college più prestigiosi del mondo, fino all'italiano "medio", lo stile preppy unisce bon ton e stravaganza per uno stile sempre attuale.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.