• Art&Lifestyle

Funny Games

Non un film ma un saggio. Non un cult bensì un'opera d'arte. E' questo quello che si può affermare del remake shot-for-shot (riproduzione esatta della composizione scenica, dalle inquadrature al montaggio) dell'omonimo film che Haneke gira dieci anni prima. Funny Games non è che un trattato sulla violenza, sulla sua ripetizione e sulla fruizione bulimica che il pubblico è ormai abituato a fare. Una violenza ripetuta ma sempre accennata. Violenza che sembra essere l'unico traino dell'intera trama. Senza di essa non si avrebbe il film. Tutta la messa in scena regge sul suggerimento della violenza atto a torturare la mente dello spettatore che sa già cosa accadrà. Lo sa bene perché, come ripete uno dei protagonisti del film, è questo quello che vuole, quello che tutti vogliamo. Si vuole la violenza ed essa ci viene propinata.

Ad un livello profondo ed inconscio, mai diretto. Ma fa ancora più male. E come la peggiore delle droghe, quando l'effetto del disgusto-godimento finisce, non si fa altro che cercarne ancora e ancora. E senza rendercene conto siamo diventati schiavi di questo ingranaggio diabolico. Complice la televisione da cui, in una scena cruciale del film, sgorga del sangue riversandosi sul pavimento davanti agli occhi inermi degli spettatori. Il tutto incorniciato da una forte presenza del bianco, colore spesso associato ad una castità, inteso qui come sintomo di purezza non necessariamente positiva bensì estrema rispetto ad un credo che, per i due protagonisti, è per l'appunto la violenza stessa. Un film che va affrontato armati di coraggio e voglia di comprendere, lasciando magari da parte il perbenismo e i facili moralismi.

Valerio Amer

SUGGESTED ARTICLES

Il gioco degli opposti fra moda e avanguardia

Il gioco degli opposti fra moda e avanguardia

Nel fashion system emergere è sinonimo di sfondare? Le novità nel mondo della moda danno vita a correnti di pensiero e avanguardie, ma possono davvero essere definite tali?

Read more

Le Carré Hermès: eleganza racchiusa in 90 centimetri di stoffa

Le Carré Hermès: eleganza racchiusa in 90 centimetri di stoffa

Forma, colori, consistenza, attenzione ai particolari ed eleganza che è capace di trasmettere. Tutti elementi che fanno sì che donne di tutto il mondo impazziscano per il foulard simbolo della maison francese Hermès, che da quasi un secolo è non solo sulla bocca di tutti, ma anche indosso.

Read more

Campagne pubblicitarie S/S 2016: a tutto Pop!

Campagne pubblicitarie S/S 2016: a tutto Pop!

LICHT vi propone l'analisi delle campagne pubblicitarie, per la prossima stagione S/S 2016, di quei brand che hanno fatto del colore e dell'elemento pop il tratto distintivo. Da Fendi a Moschino, da Ferragamo a Sonia Rykiel e, ancora, Missoni e Iceberg.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.