• Art&Lifestyle

Design: un universo straordinario tra idea e realtà

Le diverse sfaccettature del design nelle tendenze del 2015 in fatto di arredamento interni, tra la moda concepita in luoghi e spazi d'élite, ideati dagli stilisti più influenti, e l'arte con le sue mostre più interessanti a livello mondiale.

"Il Design è per noi una disciplina creativa globale di matrice artistica e poetica: una delle forme d'arte più tipiche dell'epoca che stiamo vivendo". (Alberto Alessi)

Che cosa è il Design? Una parola, un concetto, un'idea apparentemente difficile da definire. Significa avere un occhio al futuro senza andare però troppo oltre, e uno al presente, in grado di soddisfare le esigenze della clientela attuale. Più in generale, fare design vuol dire avere uno sguardo attento a tutto il mondo che ruota intorno alla realizzazione di un concept, e il Designer è il professionista che accompagna il progetto nelle sue fasi evolutive in modo da dar vita ad un'idea creativa e soprattutto efficace. "Il Design è una disciplina in parte tecnica e scientifica, in parte sociologica e umanistica, è anello di congiunzione tra ingegneria e arte, tra invenzione e stile, tra produzione e mercato", ha affermato Bruno Munari, uno dei massimi protagonisti dell'Arte, del Design e della Grafica del XX Secolo. Dobbiamo abituarci, perciò, all'idea che il design è multiforme come tutte le altre forme d'espressione. Non c'è una regola per definire cosa è giusto e cosa è sbagliato, cosa è design e cosa non lo è, perché alla fine della fiera può essere tutto e il contrario di tutto.

Attraverso la concezione di Design intesa come arredamento d'interni, arte e moda, noi di LICHT Magazine abbiamo deciso di riassumere quelli che sono stati i trend del 2015 in fatto di interior design, le mostre più interessanti dell'anno appena terminato e le strutture firmate dai marchi di moda più famosi al mondo, che sono riusciti a creare un connubio perfetto tra fashion e design.

Premettendo che a prescindere dal tipo di trend, ognuno di noi è abituato ad arredare la casa in relazione alle proprie esigenze, nonostante tutto avere un'abitazione al passo con i tempi, rispettando però i bisogni personali potrebbe essere la soluzione migliore per avere una casa moderna e allo stesso modo funzionale. Quali sono state le tendenze del 2015 in fatto di interior design?

· Il Black & White è stato accantonato per lasciare spazio a colori che richiamano le tonalità tipiche della natura che ci circonda. Sì al khaki, al verde (nelle sue svariate sfaccettature), all'arancio (nei toni tipici di un tramonto di fine estate), all'azzurro cielo, ai colori della terra (dal rosso al marrone).

· Sì alle stampe geometriche e a quelle floreali, perfettamente in linea con le tendenze proposte dai più grandi stilisti di moda, a dimostrazione che fashion e design vanno spesso a braccetto fondendosi in una sola e unica dimensione.

Il design quest'anno l'ha fatta da padrone anche in alcune delle mostre più importanti del mondo, e quando l'arte si fonda con questo universo infinito finisce per creare qualcosa di davvero sorprendente. Per cominciare in bellezza, è d'obbligo citare la Design Miami, la fiera di progettazione più importante di tutti gli Stati Uniti, conclusasi lo scorso 6 dicembre, che ha celebrato "All that Design can do", ossia tutto quello che il design può esprimere in riferimento alla creatività e alle applicazioni sociali. Più che una fiera, si direbbe un vero e proprio spazio globale dedicato al design contemporaneo internazionale che sa sperimentare, farsi contaminare e accogliere punti di vista differenti e molto interessanti.

Boom di grandi riconoscimenti è stata Fondazione Prada, aperta al pubblico dal 9 maggio e progettata da Rem Koolhaas a Milano, che definisce una perfetta unione tra architettura, arte e moda. Un progetto che ha segnato la rinascita di una zona periferica della città a conferma che interventi di questo genere sono in grado di modificare positivamente le sorti di un quartiere in via di sviluppo. 19.000 metri quadrati di spazio in cui estremi e differenze coesistono e si rafforzano gli uni con gli altri, mettendo in scena un qualcosa di davvero straordinario, in cui le dicotomie classico/innovativo, povero/ricco, bello/brutto, leggero/pesante, definiscono nuove regole estetiche utilizzando la categoria come forma di conservazione e ideazione. Tributo all'arte, alla moda, all'architettura, al cinema; realtà, queste, che definiscono le abili capacità di Koolhas di rappresentare un'interessante anticonvenzionalità in grado di guardare sempre un po' più in là.

Un'altra dimostrazione che moda e design coesistono e si intrecciano insieme tra creatività, estro e fantasia, è il fatto che alcune tra le maison più famose, oltre ad aver costruito un impero nel fashion world, hanno lasciato un'impronta nella progettazione di luoghi e nella realizzazione di spazi d'élite come segno distintivo della loro fama e del loro brand a livello internazionale. Tra questi possiamo citare l'Emporio Armani Caffè, una catena di ristoranti di alta qualità che vanta diverse sedi nel mondo come MilanoParigi, Dubai, Istanbul e Monaco, confermando addirittura nei primi mesi del 2016 una nuova apertura ad Amman. L'obiettivo della griffe è quello di rappresentare la personalità ricercata e minimalista dell'iconico brand per dargli un'immagine innovativa e dal fascino discreto. Curati nello stile e nel design, gli interni raffigurano note glamour e rilassate dalla forte carica estetica ed evocativa, capaci di raccontare al meglio le innovazioni e le qualità del marchio in tema con la filosofia Armani, grazie soprattutto ad una ragionata scelta di materiali e colori.

Da non dimenticare, poi, è la catena alberghiera ideata e realizzata da Versace con sede in Australia e a Dubai prevedendo, inoltre, l'opening di un nuovo Luxury Hotel a Macao, in Cina. Ciò che viene esaltato è la dinamicità e la modernità di un ambiente di alto design, collegate a quella raffinatezza che trova le proprie radici in un gusto e una cultura tutta italiana, passando attraverso la storia, il viaggio, il passato e la spinta verso il futuro. Le parole esatte sono "eleganza dinamica", sintesi di forme e abbinamenti armonici di colori e materiali; un'idea sviluppata, così, secondo un concetto innovativo e cosmopolita, proprio dell'immagine Versace.

Per il design, perciò, come in altri mondi, ci sono molteplici sfaccettature e sfumature, ma l'essenza è questa: fare qualcosa di buono, veramente buono, da mettere a disposizione del consumatore, dell’osservatore, del proprio cliente cercando, di conseguenza, di trasmettergli la sensazione di uno spazio accogliente, di un'opera ben riuscita e della bellezza dell'arte, dell'invenzione e dello stile.

Alessandra Rosci

SUGGESTED ARTICLES

Rockstud di Valentino Garavani, anatomia di un accessorio

Rockstud di Valentino Garavani, anatomia di un accessorio

Le iconiche scarpe dall'attitude rock che hanno conquistato tutte.

Read more

Il caso Balmain: dall'oblio degli anni '90 al successo planetario

Il caso Balmain: dall'oblio degli anni '90 al successo planetario

Del marchio francese, soprattutto dopo la partnership con H&M, si è detto e scritto tantissimo. Licht guarda al passato e ripercorre i momenti salienti della sua lunga storia.

Read more

5 Pannelli per 5 cappelli

5 Pannelli per 5 cappelli

Come tutte le storie anche quella dei 5 pannelli, che uniti danno vita ad uno dei copricapo più in voga degli ultimi anni, pesca nella vita quotidiana o ancor meglio in uno sport classico come il ciclismo. 

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.