• Art&Lifestyle

Said: la fabbrica di cioccolato che risveglia i cinque sensi

Quando “mangiare di gusto” non è più solo un modo di dire.

Metti una giornata uggiosa di metà autunno, concediti una pausa dallo studio/lavoro, entra in uno dei luoghi più accoglienti della capitale, respira. Odore di cioccolato, caffè, zucchero, spezie. Ti trovi forse in una pâtisserie parigina o in un’antica tribù azteca? No, è semplicemente Said (Società Azionaria Industria Dolciaria), l’antica fabbrica di cioccolato fondata nel 1923 da Aldo De Mauro che avviò l’esercizio iniziando a produrre cacao e dolciumi artigianalmente per passare poi il testimone ai suoi figli e nipoti che oggi sono a capo della cioccolateria. 

Situato nel quartiere studentesco di Roma San Lorenzo, in via Tiburtina 135, Said, la cui entrata è quasi nascosta in un antico garage, è un’esperienza culinaria che soddisfa tutti i cinque sensi. 

E’ uno spazio dalle molteplici funzioni, si passa infatti dallo shop corner in cui si possono acquistare cioccolate e dolci di ogni genere, alla sala dove poter sorseggiare un’ottima cioccolata calda o dove provare strepitosi cocktail originali, al reparto bistrot per il brunch o, ancora, nella zona ristorante per consumare una cena gustosa. Il tutto in uno spazio dove a dominare è lo stile shabby chic, dunque tra il “trasandato” (meglio conosciuto oggi come vintage) e l’elegante.

Questo è reso possibile da un arredamento che ricorda il periodo della Belle Époque (1871-1914), quel periodo in cui l’arte e l’artigianato si fondevano con il vivere quotidiano, e in un certo senso da Said è questa la sensazione che si prova. Poltrone in velluto, tavoli e sedie decapati, antichi mobili tra cui si possono osservare gli originari macchinari per produrre il cioccolato, provenienti direttamente dal laboratorio dei De Mauro.

Mangiare non era mai stato così gustoso: il menù presenta infatti piatti particolari e articolati dai costi medi. Il miglior modo per iniziare un pasto? Una caponata di melanzane al cioccolato Said fondente al 70%, o ancora un tris di assaggi di antipasti in cui poter assaggiare una deliziosa tartare di filetto con gruè di cacao. Ma non è finita qui, perché le prelibatezze continuano anche nei primi e nei secondi piatti, con una porzione di ravioli fatti in casa con cioccolato Said fondente al 70%, seguita da filetto di tonno con pistacchi e gruè di cacao.  Per finire, direttamente dal buffet presente nell’angolo pasticceria del locale, si possono scegliere diversi dolci serviti con fonduta di cioccolato Said a scelta.

Vi è venuta per caso fame? Allora cosa state aspettando, chiudete tutto e andate da Said dove la parola d’ordine è rilassarsi mangiando.

Livia Maulucci

SUGGESTED ARTICLES

MMU P/E 2017: la moda maschile che verrà fa i conti con le difficoltà del presente

MMU P/E 2017: la moda maschile che verrà fa i conti con le difficoltà del presente

La fashion week milanese prova a superare i problemi dei mesi scorsi e ribadire la propria centralità nel panorama del menswear globale. Dai protagonisti annunciati al "low profile" di altre griffe, le proposte in passerella sono più eterogenee che mai.

Read more

Jeremy Scott: The People's Designer

Jeremy Scott: The People's Designer

Cresce l’attesa per il documentario dedicato all’icona pop della moda che ha portato la strada in passerella.

Read more

Tote bag: male edition

Tote bag: male edition

Da sempre sinonimo di classy casual wear, la tote bag si riconferma anche per questa P/E 2016 la borsa protagonista delle catwalks maschili, che tra una rivisitazione e l'altra conquista davvero tutti.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.