• People

Ekaterina Malysheva: Ekat Suits

“Ho capito che alle ragazze piacciono molto le tute elasticizzate perché oggi sono molto più libere. Vogliamo sentirci comode nei nostri abiti e una tuta elasticizzata ti fa sentire leggera, sexy e invincibile.”

La stilista russa Ekaterina Malysheva ha studiato al London College of Fashion e dopo il music festival Burning Man 2003, ha fondato il suo brand “Ekat Suits”. La stilista si fonda sull'espressione di sé, sull'arte e sulla creatività che l'hanno portata a disegnare abiti per donne forti e spiriti liberi. Le tute aderenti hanno, infatti, colori vivaci e sono seducenti, eleganti, ma anche pratiche e sono adatte “sia per la sera che per lo yoga”; inoltre si abbina perfettamente ai tacchi alti per uscire la sera o alle sneaker per andare a Glastonbury!

Francesca De Leo

SUGGESTED ARTICLES

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Intervista ad Alessandro Mengozzi

Hai frequentato il corso di fashion design presso l'istituto Marangoni, per poi dedicarti alle tue collezioni di copricapi ornamentali che portano il tuo nome. Come mai questa scelta?

Non è stata una scelta, ma un percorso che si è sviluppato strada facendo e che in realtà è in continuo sviluppo. Appena uscito dall’Istituto Marangoni ho fatto qualche stage e lavoro ma senza troppe soddisfazioni. Dopo un periodo di confusione si è scatenata in me la voglia di fare qualcosa di nuovo. Ho aperto una linea di abbigliamento e in parallelo è iniziato il mio percorso da “Mad Hatter” quasi per gioco. L’unico punto fermo era che volevo fare qualcosa di mio, dove potermi esprimere al meglio, senza regole o quantomeno poche limitazioni.

Read more

Marni e il fascino delle it-bag

Marni e il fascino delle it-bag

LICHT analizza le Trunk Bag firmate Marni in tutti i suoi scomparti, portandoti nel vivo della collezione S/S 2016 della maison.

Read more

Swatch e la rivoluzione pop nell'industria orologiera svizzera

Swatch e la rivoluzione pop nell'industria orologiera svizzera

Colorato, divertente, facile all'uso. Il primo marzo 1983 fu lanciato a Zurigo lo Swatch, l'orologio che salvò l'industria svizzera.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.