• Fashion

Gucci: insieme al direttore creativo si rinnova anche il sito

Alessandro Michele continua a ridefinire l'identità del marchio fiorentino, web compreso.

E’ incredibile come nell’ultimo periodo sempre più facilmente e velocemente i brand cambiano i propri direttori creativi, creando di stagione in stagione un’angoscia generale dovuta sia alla paura per quel che si è lasciato che alla trepidante attesa di quello che può aspettare. E’ quello che è successo anche con Gucci, quando si è visto nominare direttore creativo il giovane quanto chiacchierato Alessandro Michele, che ha preso in mano la direzione del marchio, precedentemente occupata da Frida Giannini.

A differenza di Frida, che aveva fatto tesoro “dell’eredità d’immagine” costruita da Tom Ford, riuscendo a ripercorrerla e ad inserirvi la sua visione della donna, Alessandro Michele fa completamente tabula rasa di ogni minima sovrastruttura, ripartendo dalle basi per la creazione di un nuovo modello di donna.

Scordandoci dunque del Gucci opulento nella ricerca materica quanto lineare nel suo sviluppo arriviamo a percepire la visione più onirica e concettuale del giovane designer romano. I protagonisti di questa nuova era di Gucci sembrano personaggi usciti da un film di Wes Anderson, dove codici appartenenti a diverse decadi si fondono tra di loro, andando a smentire i più comuni canoni estetici per istituirne di nuovi.

In questo piano di rinnovamento di immagine dell’intero mondo di Gucci è ovviamente compreso il restyling del sito internet. La vetrina virtuale aggiornata secondo le nuove linee guida appare decisamente più snellita: sono totalmente spariti l’oro, il nero e l’impostazione geometrica e pomposa della precedente versione, per lasciare spazio ad una più luminosa e ideale. E se l’opinione comune ancora è divisa riguardo il lavoro portato avanti dalla mente creativa di Alessandro Michele, lo sviluppo del nuovo sito ha creato ben minori inquietudini.

Al momento è visibile solamente per gli utenti americani e canadesi, ma presto si diffonderà anche negli altri paesi.

Gianluca Cococcia

SUGGESTED ARTICLES

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Iconize: Marco Ferrero Exclusive Interview

Nella seconda metà del XX secolo, in un mondo dominato dal consumo, la Pop Art sconvolge completamente il concetto di arte rendendo l’insieme di stimoli visivi che circondano l’uomo oggetto della propria indagine. Addio quindi ai drammi dell’interiorità e alla depressione elevata a profondità d’animo, via libera invece a colori sgargianti, immagini ripetute infinite volte, personaggi della cultura popolare e oggetti d’uso comune resi simbolo. Oggi, in un mondo della moda dominato da una visione funerea, da modelle emaciate e colori cupi degni di un film horror, i veri rivoluzionari sono quelli che tornano a parlare un linguaggio popolare e gioioso. Marco Ferrero, in arte Iconize, punta proprio a questo: trasformare se stesso e il suo lavoro in un’icona contemporanea. Come? Attraverso lo strumento di massa per eccellenza, internet, che in pieno spirito pop va a sostituire la televisione degli anni ’50.

Read more

Italians... Instagram better!

Italians... Instagram better!

I 10 uomini italiani cresciuti a pane, amore e stile. Ecco i profili Instagram più fashion secondo LICHT.

Read more

Ricki Hall: New Virility e Consolle

Ricki Hall: New Virility e Consolle

Sara la barba? Oppure I tatuaggi?

Classe 87, modello per moltissime campagne dei brand più famosi, Hall è il fautore, nonché il propulsore, della moda del capello leccato e della barba lunga. Sguardo spietato e completamente ricoperto di tatuaggi, Ricki Hall è il modello più influente del Great Britan.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.