• People

Il talento della maglieria Carlo Volpi visto dall'illustratore Guglielmo Castelli

“Durante le lezioni di storia dell'arte al liceo, quando ci spiegavano il Neoplasticismo, prendevo quelle linee così rigide e le torcevo su fogli, sottovalutando la purezza di forma e di pensiero”

Castelli, facendo un tuffo nel passato, racconta i tempi ai banchi della scuola e ironicamente ammette la poca simpatia nei confronti di Pit Mondrian considerato da lui stesso “presuntuoso nel pensare che la matematica potesse insinuarsi e creare arte”.

Quando poi, dopo anni, guarda le creazioni in lana d'agnello e merinos di Carlo Volpi, che nella sua ultima collezione si è ispirato a De Stijl, rimane colpito: “Ci fosse stato lui come compagno di banco durante le verifiche, avrei copiato sicuramente!”.

Francesca De Leo

SUGGESTED ARTICLES

Yes we can

Yes we can

Leggo: “Impegno e sacrificio ti portano a realizzare quello che hai sempre sognato! Sempre avanti”.

Read more

Pierre Hardy: il calzolaio magico

Pierre Hardy: il calzolaio magico

Tutto quello che c'è da sapere su Pierre Hardy, il designer ballerino che dal 1999 ad oggi ha conquistato donne e uomini di tutto il mondo con le sue scarpe.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.