• People

Andrea Incontri: Il designer di Tod’s racconta l’amore per l’artigianalità italiana

Sei laureato in architettura e hai una grande passione per l’arredamento, in che modo l’interior design influenza la tua moda? 

Mi hanno sempre affascinato gli arredi e le mie prime esperienze professionali sono state nel mondo dell’interior. Ho iniziato ad interessarmi di moda vestendo gli spazi, in secondo luogo c’è stata la progettazione di prodotti di design.

Grazie ai progetti ai quali ho partecipato ho sviluppato una passione incredibile per i tessuti e per i processi produttivi e questo mi ha permesso oggi di creare stoffe che riescono sempre a conquistare.

Le tue prime esperienze nel mondo della moda sono avvenute in alcune storiche aziende italiane di pelletteria e tessuti. Alcuni anni dopo sei stato chiamato a rappresentare l’eccellenza del Made in Italy nella sfilata organizzata da Vogue a Dubai. Quanto è importante la parola “artigianalità” nel tuo lavoro?

Sin dall’inizio il mio pensiero fisso nella progettazione è sempre stato l’eccellenza della manifattura italiana. Cerco sempre di collaborare con i migliori artigiani in Italia e senza dubbio questo rappresenta un tratto distintivo della mia identità progettuale.

Dopo diverse collaborazioni con marchi famosi, nel 2009 hai debuttato con il tuo marchio Andrea Incontri. Qual è la filosofia dietro il brand e quali i suoi tratti distintivi? 

Alla base della mia visione c’è l’intenzione di reinterpretare i grandi classici in chiave moderna, per uomini e donne contemporanei, sempre in movimento. Gli accessori sono stati sin dal principio il mio modo di interpretare lo stile e di tradurlo in materia, ma anche l'abbigliamento è influenzato da questa visione. 

Nel 2010 hai vinto il talent Who’s On Next promosso da Vogue Italia. Per te cosa ha significato vincere un concorso così prestigioso, soprattutto nella categoria accessori?

Quattro anni fa durante Pitti ho inaugurato il mio percorso professionale con il concorso Who’s On Next, presentando una collezione focalizzata sugli accessori, da sempre il mio punto forte. Ho avuto la possibilità di crescere personalmente e professionalmente e questo mi ha permesso di trasferirmi a Milano, dove ho avuto modo di delineare maggiormente l'identità del marchio. Firenze è il luogo che mi ha portato fortuna e sono contento di essere tornato al Pitti con la mia ultima collezione menswear FW15-16.

 

Dal 2014 sei stato nominato direttore creativo di Tod’s Uomo. In cosa si differenziano il tuo processo creativo, e dunque il risultato finale, tra il brand che porta il tuo nome e la storica maison? Cosa tiene unite e cosa invece differenzia le ultime collezioni A/I 2015-2016?

Entrare a far parte del gruppo creativo di Tod’s, in qualità di creative director per le collezioni uomo non è solamente un onore ma una vera e propria sfida. Qualità, italianità e contemporaneità sono valori di Tod’s che già fanno parte della mia personale visione dell’uomo. Il mio intento è quello di svilupparle, tenendo sempre presente l’importanza delle radici di un brand ricco di storia e di artigianalità.

Martina Trozzi

SUGGESTED ARTICLES

Amara: Una donna ed un turbante

Amara: Una donna ed un turbante

Ore 19, diluvia. Corro a casa (rischiando la morte più volte), devo intervistare una giovane cantante poco conosciuta dal grande pubblico (nonostante le 40.000 visualizzazioni su Youtube). Prendo coraggio, mai intervistato qualcuno al telefono. Vabbè sticazzi, attivo la registrazione e chiamo: «Pronto sono Davide Falcone di Licht Magazine, avrei programmato un’intervista con Erika», «Te la passo subito, è proprio qui!» risponde un ragazzo dalla voce simpatica.

Read more

In ufficio sì… Ma con stile!

In ufficio sì… Ma con stile!

I dettagli fanno la differenza. Vieni a scoprire gli accessori scelti da LICHT Magazine per trasformare un uomo in un perfetto businessman.

Read more

Ankle boots: i must to have maschili per la primavera-estate 2016

Ankle boots: i must to have maschili per la primavera-estate 2016

Negli anni '70 erano le scarpe più amate e diffuse dopo il successo dei Beatles. Nati nel 1800 da un'idea del calzolaio della Regina Vittoria, hanno percorso generazioni fino ad arrivare ai nostri giorni in cui i designer rievocano il passato facendolo rivivere nel presente. Da Saint Laurent a Gucci, ecco come sono stati proposti.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.